Sì alle vostre opinioni, no alle sentenze

da
Advertising

Vorrei replicare ai vari lettori, in primis quelli che mi hanno chiesto il motivo della censura dell’articolo sulla coalizione allargata chimera per il Pd. I motivi? Di natura tecnica e giuridica. Tecnica perché non potevo accedere alla validazione dei commenti, quindi avrei voluto togliere un commento, ho dovuto levare l’intero articolo da me redatto tra l’altro (della serie ho lavorato per nulla). Giuridica perché vorrei sapere dov’erano jonny e Michelangelo quando prendevamo le denunce dal comune. Vorrei ricordare a tutti che www.altopascio.info è testata giornalistica e chi scrive è direttore responsabile: tradotto in parole povere abbiamo gli stessi doveri di un giornale. Giuridicamente nel commento di Michelangelo c’erano gli estremi di una querela. Perché si parlava di “gravi irregolarità nei concorsi”, senza nemmeno un “presunte” o l’utilizzo del condizionale. Tutte questioni che non posso giudicare io. Può darsi vi sia del vero, ma dovrà essere qualcun altro a stabilire tutto ciò. Una questione deve essere chiara: vogliamo i vostri interventi, viviamo per quelli, sono fondamentali le vostre OPINIONI, non le vostre SENTENZE. Vi prego di astenervi con certe accuse, soprattutto in vicende “pescolose” come quella in oggetto. Infine, vorrei precisare che anche quando abbiamo pubblicato i comunicati del Marchetti su Baccelli e sulle tematiche provinciali, abbiamo tagliato notevolmente e, in un paio di casi, preferito non mettere niente perché anche in quei casi c’erano frasi abbastanza “ruvide” nei confronti di assessori e presidente di Palazzo Ducale. Evitate di vedere complotti, è un favore che vi chiedo, perché non vogliamo ripetere certamente le polemiche velenose del 2006. La campagna elettorale va fatta tra la gente, non sul nostro sito.

Massimo Stefanini

Advertising