Candidato del centrosinistra? Un parto davvero difficile!

da
Advertising

Come detto nel titolo, un parto complicatissimo. Servirà un cesareo per…estrarre il bambino-candidato. Ancora poche ore. Due incontri nell’arco di due giorni, martedì mattina dovremmo avere il nome del candidato a sindaco del centrosinistra. Nonostante i segnali e i proclami di Matteo Tori, la sensazione, parlando con esponenti del Pd che le distanze siano incolmabili: in politica mai dire mai. Siccome nessuna delle due parti è disposta a cedere (Tori vuole fare il candidato a sindaco, il Pd vuol la coalizione allargata ma senza Tori candidato), l’accordo appare difficile. Quindi Sarti sempre più vicino all’investitura. La sinistra altopascese non vince le amministrative dal 1988, c’era ancora il Muro di Berlino. Un mondo fa. Dopo cinque anni senza grossi scossoni con l’opposizione silente o quasi, riemergere dal letargo a novembre non è bastato. Il 15 aprile vanno presentate le liste: prima di fare ciò c’è da raccogliere le firme e comporre gli schieramenti. Quindi sarà meglio che il Pd si sbrighi a trovare una soluzione. Il rinnovamento ? Con Mandroni, un non professionista della politica, lo avevano trovato. Poi il patatrac. Numeri alla mano, Marchetti rimane favorito, lo sarebbe anche con Tori dentro allo schieramento del centrosinistra. Dipenderà anche dalle squadre in campo. Vedremo. La parola alle urne il 15 maggio. Noi siamo qua tranquilli. Ricordo ai più distratti che chi scrive risiede nel comune di Castelfranco di Sotto, Pisa, mentre l’editore, Luca Casciano, ha la residenza a San Diego, California, Usa. Esterni, quindi super partes.

Massimo Stefanini

Advertising