Furti in pieno giorno ai videogiochi nei locali

da
Advertising

Furti delle macchinette per il cambio del denaro o dei videogiochi ve ne sono stati diversi nella Piana e ad Altopascio in particolare. Davvero poco frequente però che ciò si verifichi in pieno giorno, alla presenza dei titolari e dei clienti. E invece tutto ciò è accaduto in due attività, al Mercatone Uno di via delle Cerbaie, accanto al casello autostradale e al bar “La Coccinella” di via Romea. Andiamo con ordine. Nel primo caso, all’interno dell’ipermercato pieno di gente, alcuni giovani si sono dedicati, non visti, alle macchinette dei videogiochi. Probabilmente grazie ad un “palo” sono riusciti a scardinarle, prelevando spiccioli per centinaia di euro. Nella seconda circostanza, (non è escluso che si tratti della stessa gang) i malviventi hanno simulato il gioco alle apparecchiature, ubicate in un angolo del locale, come ci spiega il titolare, Rosario Federico, dal 2008 gestore dell’attività: “Sembravano ragazzi come tanti intenti a divertirsi, c’erano alcuni avventori da servire, non mi sono accorto di niente. Dopo che se ne erano andati ho trovato del disordine e allora ho capito. Probabilmente sono riusciti ad inserire una specie di carta elettronica clonata e con questo ausilio si sono impossessati di 210 euro: conosco la cifra precisa perché avevo inserito io le monete poche ore prima”. Le indagini sono affidate ai carabinieri di Altopascio. Altro misterioso episodio nella notte tra venerdì e sabato, quando ignoti hanno spaccato la rete di recinzione al confine tra la tipografia Marinari e l’area di sosta Sibolla, sulla Firenze-Mare per trasportare qualcosa al di fuori dall’autostrada: per farlo hanno anche travolto il cancello della tipografia.

Advertising