Trani: indagate le agenzie di rating Standard & Poor’s e Moody’s

da
Advertising
Trani: indagati Standard & Poor's e Moody's
Trani: indagate le agenzie di rating Standard & Poor’s e Moody’s

La procura di Trani è stato il primo (ed unico) ufficio del pm ad iscrivere la notizia di reato.Sono già state sentite diverse persone, tra cui l’ex premier Prodi, il governatore di Bankitalia Draghi e il ministro dell’Economia Tremonti – e acquisita copiosa documentazione,tra cui le carte relative al procedimento di registrazione Agenzie presso la Consob per verificare la sussistenza «dei requisiti e delle condizioni» per l’esercizio di attività di rating nei confronti di entità italiane. L’accusa è di aver manipolato il mercato con delle informazioni false, infondate o comunque imprudenti relative al sistema economico-finanziario e bancario italiano. Sotto accusa spiccano delle giornate particolari: 6 maggio 2010, «a mercato aperto, verso le ore 11.15, notizie false (anche in parte) sulla tenuta del sistema economico e bancario italiano», si procede poi con  il 20 maggio 2011 «divulgavano in un report l’avvenuto «taglio dell’outlook del debito sovrano dell’Italia da stabile a negativo», con «giudizi/previsioni da ritenere falsi, parzialmente infondati e comunque imprudenti, tendenziosi e scorretti (anche nelle forme di comunicazione) secondo quanto asserito da altre Agenzie di rating (Fitch), oltre che dalle supreme Autorità nazionali (Ministero Economia) che smentiva – alla stregua di dati macroeconomici ufficiali – il giudizio di S&P che (con)causava sensibili perdite di titoli azionari, obbligazionari e dei titoli di Stato nazionali» e per finire «il giorno venerdì 1 luglio 2011 poco dopo le 13.00 (prima della chiusura dei mercati) elaboravano e divulgavano in un’ulteriore nota giudizi negativi sulla manovra finanziaria presentata in Consiglio dei ministri dal ministro dell’Economia quando il testo della stessa non era ancora ufficiale e definitivo, così determinando ulteriori turbolenze sul mercato dei titoli e sulle aste dei titoli di Stato».Queste sono, in sintesi, le accuse mosse dalla procura di Trani.

Advertising