IL Pd Altopascio sulla qualità dell’aria

da
Advertising

Nonostante gli ultimi dati dell’Arpat rassicurino sul fronte dell’emergenza relativa alle maleodoranze delle torbiere, siamo comunque dell’avviso che gli esiti di tali rilevazioni dovrebbero mettere in guardia l’Amministrazione locale circa la qualità dell’aria respirata dai cittadini Altopascesi.

Le analisi effettuate nel padule di Bientina assegnanola Maglia Neradella Piana di Lucca al Comune di Altopascio: è infatti stata rilevata una presenza elevata di polveri sottili, provenienti dal centro di Altopascio, dove l’autostrada A11 convive con una viabilità ordinaria alquanto obsoleta.

Il dato preoccupa per almeno due ragioni:

ñ     Il primo motivo riguarda il sopraggiungere dell’autunno e dell’inverno che notoriamente comportano un aumento delle emissioni di Co2, dovuti all’entrata in funzione di molti impianti di riscaldamento poco efficienti e alla combustione di tonnellate di scarti agricoli.

ñ     Il secondo motivo di preoccupazione è che un’infrastruttura come l’Autostrada rappresenta una fonte di inquinamento attiva 365 giorni l’anno, la quale, tagliando in due il centro abitato, lascia agli abitanti un’aria insalubre a prescindere dalle stagioni.

A preoccuparci è anche la latitanza dell’Amministrazione locale sul tema dell’ambiente e dunque della salute pubblica, in linea con la politica del Governo Berlusconi che ha azzerato i fondi da destinare al Ministero dell’Ambiente: infatti per quanto riguarda la qualità dell’aria sarebbe necessaria una forte sensibilizzazione della cittadinanza sulla mobilità sostenibile e sull’uso del trasporto pubblico, una incentivazione economica per la sostituzione degli impianti di riscaldamento, un coordinamento con gli agricoltori per favorire la raccolta degli scarti agricoli da destinare agli impianti di biogas del territorio. Inoltre, visto l’altro record negativo di Altopascio sulla percentuale di territorio boschivo, sarebbe bene rispettare la legge 113 del 1992 sull’obbligo per il Comune di residenza di piantare un albero per ogni nuovo nato.

Ciò consentirebbe, passo dopo passo, di costruire un futuro più pulito e sano per le nuove generazioni, evitando così, le scenografiche inaugurazioni di parchi, i cui alberi vengono lasciati rapidamente seccare nel disinteresse totale di chi dovrebbe occuparsene.

 

Il Partito Democratico di Altopascio

 

Advertising