Massimiliano Paluzzi capo di gabinetto comune di Altopascio

Marchetti e Paluzzi: cosa lega questi due cosi’ fortemente?

da
Advertising
Massimiliano Paluzzi capo di gabinetto comune di Altopascio
Massimiliano Paluzzi capo di gabinetto: costo 160.000 Euro

Oltre a costare circa Euro 160.000,00, pagati interamente dai cittadini di Altopascio, l’accordo misterioso tra Maurizio Marchetti, sindaco di Altopascio e Massimiliano Paluzzi, capo di gabinetto di Altopascio e assessore di Montecarlo, crea molti Marchetti Mauriziodisagi al normale svolgimento dei compiti dei consiglieri comunali. Auspichiamo, come tanti Altopascesi, che la Procura della Repubblica di Lucca faccia presto chiarezza su questa evidente anomalia. Qui di seguito il comunicato stampa di Alternativa Democratica per Altopascio.

“Il Sig. Sindaco, nell’articolo apparso sui quotidiani il 26 Novembre, in risposta alla denuncia presentata all’arma dei Carabinieri da Mario Sarti, sostiene che lo stesso Sarti non ha rispettato le regole imposte dal Comune, pretendendo informazioni senza passare prima dal Copogabinetto. Se Mario Sarti in realtà non si è sottomesso a regole illegittime, si può parlare in questo caso di mancanza da parte di Sarti? Il Capogabinetto ricordiamo,  è la persona che è stata assunta dal Comune in piena violazione della legge sul patto di stabilità e che ricopre una carica del tutto inventata in quanto inesistente nello statuto comunale. Tra le altre cose è un personaggio che non lavora a tempo pieno per il comune di Altopascio, infatti ricoprendo anche un altro ruolo per il comune di Montecarlo non è sempre disponibile ed i tempi di attesa si allungano. Secondo noi di Alternativa Democratica quindi, Sarti ha agito nel pieno delle sue funzioni di Consigliere comunale e rispettando le facoltà che gli concede il testo unico. La legge prevede che l’accesso agli atti da parte di un consigliere comunale abbia un percorso privilegiato rispetto ad altri, proprio perchè sta svolgendo il suo ruolo istituzionale. Quindi i vincoli messi dal Comune di Altopascio sono soltanto espedienti necessari al Sindaco affinchè richieste legittime e probabilmente temute, siano boicottate da una serie di cavilli, che se non riescono a negare la possibilità di consultare gli atti, quanto meno riescono a rimandare più possibile tale consultazione. Una delle ultime  fantasiose delibere comunali, stabilisce proprio che sia lo stesso Capogabinetto a vagliare le richieste dei consiglieri. Il Marchetti dovrebbe pensarci due volte prima di dire ad altri di rispettare le norme e le denuncie pendenti sulla sua testa parlano chiaro.
Alternativa Democratica per Mario Sarti”
Advertising