Panem, riunione in Provincia, fumata nera

da
Advertising

Si è tenuta a Palazzo Ducale, un incontro per la vertenza Panem tra gli assessori provinciali alle Politiche del Lavoro, Mario Regoli e allo Sviluppo Economico, Francesco Bambini, una folta delegazione di lavoratori, i sindacati e le Rsu della ‘Panem’, l’azienda, il Gruppo Novelli, il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti e un rappresentante della Regione Toscana. La riunione era stata convocata dall’amministrazione provinciale a seguito degli ultimi sviluppi (richiesta di concordato e la fermata dell’attività produttiva). Durante l’incontro l’Azienda ha confermato il blocco degli impianti a causa dei costi elevati, in attesa che il Tribunale di Monza si pronunci sulla richiesta di concordato che segue alla decisione di mettere in liquidazione la società. “Di fronte a dichiarazioni come quelle del Gruppo Novelli, a pochi mesi dall’ingresso in Panem, sullo stato di crisi dello stabilimento – commentano gli assessori Bambini e Regoli – e quelle dell’azienda, secondo la quale conviene pagare i dipendenti  in uno stato di blocco della produzione invece di far ripartire gli impianti, si rasenta l’assurdo. A poche settimane dall’acquisizione di un marchio leader nazionale nel settore, di una ditta che occupa 65 dipendenti, è iniziato il disimpegno da parte del gruppo di Monza. L’attuale situazione è in parte il risultato della precedente gestione poco lungimirante e in parte la conseguenza di scelte, quelle del Gruppo Novelli, inaccettabili e difficilmente credibili”. I sindacati, intanto, confermano forme di lotta e la manifestazione con corteo indetta per domani ad Altopascio.

Advertising