Replica ad Azzurra Del Sarto e a papà Ferruccio: senza di voi che mondo sarebbe?

da
Advertising

Anna, grazie di esistere. Te lo dico di cuore dopo aver letto i commenti della signorina Azzurra Del Sarto. E non perché hai difeso chi ha scritto l’articolo sulle salsicce (perché mentre 65 persone hanno perso il lavoro si ragiona di chi ha portato il mallegato e l’osso buco, roba da matti!) ma perché hai centrato in pieno il nocciolo della questione. Intanto ricordo che chi scrive si informa eccome. Nessuno dei media ha ricevuto notizia del nobile gesto di Azzurra. I giornalisti dovevano forse andare da tutti i negozianti di via Cavour per sentire se avevano dato qualcosa? Anna ha capito, così come gli altri. Ma repetita juvant o juventus! Nell’articolo si voleva significare che nessuna associazione (CCN Altopascio, Ascom Confcommercio etc) è intervenuta ufficialmente e il 97 per cento dei commercianti altopascesi, degli operai Panem si è battuto la…ciolla. Poi, se Azzurra Del Sarto, insieme ad altri, ha raccolto 355 euro e li ha donati ai dipendenti Panem è sicuramente lodevole. Ma chi fa del bene disinteressato non ha bisogno di pubblicizzarlo. Cara Azzurra Del Sarto, ex componente del CCN e attuale membro del direttivo della pro Loco che tante iniziative ha creato per Altopascio… Chi fa del bene, rimane in silenzio. Ma ognuno ha il suo stile. Comunque tranquilla: quelli della Panem (mi scuso con loro per la provocazione) hanno buona memoria: saranno 65 voti in più per il 2016. Così tuo padre Ferruccio, (nella foto) che stavolta ha preso poche preferenze per fare l’assessore, potrà farcela.

Con affetto Jimbo

Advertising