Massimiliano Paluzzi capo di gabinetto comune di Altopascio

Ecco come spreca il denaro pubblico il Sindaco Marchetti.

da
Advertising
Massimiliano Paluzzi capo di gabinetto comune di Altopascio
Massimiliano Paluzzi capo di gabinetto: costo 161.000 Euro

Altopascio – Pubblichiamo il comunicato stampa ricevuto dall’Associazione “LiberAltopascio”.

“L’Associazione politico-culturale “LiberAltopascio” desidera ringraziare tutti i cittadini altopascesi che nelle ultime votazioni per l’elezione del Sindaco e per il rinnovo del Consiglio Comunale del maggio 2011, hanno confermato la fiducia al candidato a Sindaco Tori Giovanni Matteo ed hanno riconosciuto la validità dell’unica lista civica presente ad Altopascio. I cittadini hanno accreditato alla lista”LiberAltopascio”un ottimo risultato elettorale, per l’esattezza 960 voti, con un aumento del 30% rispetto alle comunali del 2006. Per questo importante successo è nostro preciso dovere ringraziare i cittadini che ci hanno votato perché con il loro voto hanno dato forza a un’associazione che rappresenta un’occasione nuova per il panorama politico altopascese in linea con i nuovi scenari che si stanno tracciando anche a livello nazionale.

Uno degli impegni da noi assunti in campagna elettorale era quello di promuovere modi onesti e trasparenti di fare politica.”LiberAltopascio” tenendo fede all’impegno preso con gli altopascesi ha cominciato ad analizzare una a una tutte le spese sostenute dalla Giunta Comunale. Ha individuato alcune spese che potrebbero rappresentare degli sprechi e che sarebbe opportuno correggere o addirittura eliminare. “LiberAltopascio” nata dalla gente e per la gente ha deciso di applicare il principio della trasparenza da subito pubblicando un primo elenco di queste spese.

La Giunta Comunale ha deliberato di nominare un capo di gabinetto, la cui utilità è discutibile, ma lasciamo il giudizio ai cittadini altopascesi. Il Capo di Gabinetto costerà alle casse comunali nei prossimi cinque anni € 161.072,59. Il Sindaco, inoltre, ha deciso di dotare la Giunta di ben 6 assessori, costo per cinque anni € 699.630,00 e sinceramente sembrano troppi visto il metodo accentratore dello stesso. Proseguendo nell’elenco, sono stati spesi nell’anno 2010 euro 87.127,00 per la gestione dell’intero parco auto, più alte addirittura di quelle sostenute dal Comune di Lucca, 83.215,00. Dato comunicato dal Comune al Ministero della Funzione Pubblica su iniziativa del Ministro Brunetta. Il cinema Puccini comprato e ristrutturato, ci sono voluti quasi 10 anni, è costato agli altopascesi 3 milioni di Euro! Con tutti quei soldi si facevano diversi cinema multisala. Nell’anno 2010 sono stati erogati € 80.000,00 alla Pro-loco. “LiberAltopascio” ha chiesto più volte come stati spesi, ma non ha mai ricevuto risposte. Infine il mancato rispetto del patto di stabilità, di ben 2 milioni e 807.000,00 € farà scattare le sanzioni previste dalla legge, riduzione dei trasferimenti da parte dello stato e il divieto di fare mutui e chiedere finanziamenti. La piscina, pertanto, si allontana verso il 2013, forse, insieme a tante altre promesse elettorali.

Non vogliamo, certamente, creare allarmismi sulla situazione economico-finanziaria in cui ci troviamo, ma vogliamo solo sottolineare le scelte politiche scriteriate di chi adesso amministra il Comune di Altopascio. Identiche, guarda caso, alle scelte politiche del Governo nazionale. È doveroso da parte nostra informarvi su tutte queste voci, nel rispetto del principio di trasparenza, impegno che “LiberAltopascio” ha assunto con gli elettori e che responsabilmente rispetterà fino in fondo nonostante i pochi mezzi che ha a disposizione. “LiberAltopascio” continuerà a svolgere il proprio ruolo di minoranza, ruolo che gli affida anche la funzione di controllo sull’attività di governo della Giunta Comunale. Proseguirà in questo tipo d’informazione, ricordando che è la comunità altopascese titolare delle risorse economiche e finanziare del Comune. Lavorerà, altresì, perché si creino le condizioni per un’alternativa politica che chiuda finalmente questa cattiva amministrazione che dura ormai da vent’anni e per dare finalmente inizio a una nuova rinascita culturale, economica e sociale di Altopascio.

 

Altopascio 26.12.2011.

“LBERALTOPASCIO””

Advertising