Entro il 2013 parcheggio, ritrovo e visite guidate sul bacino del Sibolla

da
Advertising
lago sibollaDurante un incontro pubblico che si è svolto nei giorni scorsi nella sala dei Granai di Piazza Ospitalieri di Altopascio, la provincia di Lucca e il comune di Altopascio hanno presentato lo stato di attuazione degli interventi in corso di esecuzione nell’area della riserva naturale del lago di Sibolla ribadendo la volontà di continuare a lavorare insieme per un progetto ambientale di rilievo. Il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti e l’assessore provinciale all’ambiente Maura Cavallaro nel ricordare l’impegno profuso negli ultimi anni per riqualificare l’area della riserva provinciale che ha portato a risultati positivi in termini di presenza di specie faunistiche e floricole grazie anche al ripristino degli habitat tipici della zona umida, hanno confermato l’impegno comune per la valorizzazione dell’area protetta, famosa in tutto il mondo per la presenza di specie relitte di epoca preistorica e di una ricca fauna acquatica. I tecnici presenti della Provincia e del Comune hanno illustrato il progetto del centro visitatori con il parcheggio, il percorso pedonale fino al giardino delle piante palustri che sono stati realizzati per favorire la visita all’interno dell’area protetta che deve comunque avvenire con l’accompagnamento di guide ambientali. L’intervento realizzato e ormai prossimo all’apertura comprende anche un impianto di fitodepurazione degli scarichi civili a servizio di alcune abitazioni esistenti in prossimità dell’area sottoposta a tutela. Il pubblico presente, composto prevalentemente di abitanti della zona, ha evidenziato qualche problematica esistente, come il passaggio di mezzi fuoristrada sui sentieri limitrofi alla riserva naturale e anche all’interno della stessa, la presenza in zona di cacciatori nelle primissime ore del mattino con abbattimento di animali presenti nella riserva, qualche rifiuto abbandonato.
E’ emersa con forza la necessità di collegare la riserva con i principali itinerari ciclopedonali: la ciclopista dell’Arno e le sue diramazioni lungo gli argini della Pescia di Collodi, la Francigena che ha una importante stazione nel centro di Altopascio. Tutti elementi che tecnici e amministratori si sono impegnati a circoscrivere e risolvere nel più breve tempo possibile. La Provincia ha fatto presente anche la possibilità di un collegamento della zona della riserva con la pista ciclopedonale di Puccini lungo il canale Rogio con un progetto in fase di studio. “Sono sicura – ha affermato Maura Cavallaro – che l’intervento determinerà un rilancio dell’immagine delle riserva naturale e dell’attenzione prestata dalla Provincia di Lucca alle aree protette che svolgono un ruolo di rilievo per l’incremento della biodiversità e il miglioramento della qualità ambientale del territorio. Per la gestione del centro stiamo lavorando alla pubblicazione di un bando per raccogliere le manifestazioni di interesse da parte di vari operatori per la cui predisposizione terremo conto delle indicazioni emerse dal confronto con i residenti”. “L’incontro è stato positivo – ha affermato Maurizio Marchetti – Siamo d’accordo con la Provincia di Lucca sulla valorizzazione dell’area, sempre tenendo presenti le prerogative di chi vive nella zona. Anche per l’affidamento della gestione del centro visitatori abbiamo chiesto alla provincia di privilegiare, se possibile, associazioni locali”.
 
 
Advertising