Il Luglio altopascese 2013, come lo giudicate?

da
Advertising

EPSON DSC pictureEsiste un gioco a carte in cui vince chi fa meno punti. E’ il ciapanò. Altopascio si è aggiudicata di gran lunga l’ideale premio per la manifestazione estiva meno interessante della Piana, ci riferiamo al “Luglio”. Certo, il paragone è impari, visto l’accostamento con gli eventi del centenario di Porcari o il cinema di qualità di Capannori. A parere di molti, l’edizione 2013 delle feste estive all’ombra della Smarrita è stata la più scadente degli ultimi anni. Questione di punti di vista of corse. Per l’amministrazione comunale aver garantito ogni sera una manifestazione per quasi tutto il mese (ad eccezione del lunedì) a costo irrisorio è da considerarsi un successo. Ma se escludiamo un paio di concerti del festival francigeno e la solita ed inflazionata Miss Italia (stesso clichè dal 1995, la kermesse ad Altopascio è diventata maggiorenne), encefalogramma piatto. Massimo rispetto per carità per i volonterosi che si sono cimentati nel ballo, nel canto, nelle rappresentazioni teatrali, anche divertenti. Però il cartellone altopascese dovrebbe avere un quid in più. Un nome, una serata diversa, un concerto come negli anni passati non guasterebbero. Ok alla spending review, che quest’anno ha riguardato pure i fuochi artificiali ma allora forse sarebbe meglio rinunciare.

Advertising