I commercianti di Altopascio, in collaborazione con il Comune, assumono guardie private per la sicurezza

da
Advertising

155718230[1]I commercianti del Comune di Altopascio, quelli del CCN, nel centro storico e in corso Cavour, stanchi dei continui assalti, delle risse serali, dei vandalismi, delle faide, che hanno penalizzato in modo decisivo la propria attività, hanno deciso: assumeranno guardie private per garantire la sicurezza. Con una compartecipazione finanziaria del Municipio del Tau. Partenza a metà settembre. Si tratta di una collaborazione con le altre forze dell’ordine, quelle istituzionali e non una alternativa, ma per gli imprenditori la misura è colma.  Gli affari sono crollati e la crisi senza dubbio ha recitato un ruolo da protagonista ma al decremento delle vendite ha contribuito senza dubbio anche un clima di incertezza durante le ore in cui dovrebbe trionfare la movida. La classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, il regolamento di conti di venerdì e sabato cominciato in piazza Tripoli e proseguito in via Regina Margherita all’incrocio con via Marconi dove è stato addirittura assediato un palazzo e con coltelli e bastoni in azione, tanto che vigili urbani e carabinieri hanno faticato ad arginare la guerriglia in atto. Nel giorno della vigilia pasquale, un magrebino colpì un connazionale con un paio di forbici ancora in piazza Tripoli e gli esercenti si trovarono costretti ad abbassare le saracinesche. La gente ha paura e rimanda gli acquisti. Bocciate le ronde (erano già partiti i corsi tempo fa) adesso il sindaco di Altopascio ha ascoltato il j’accuse dei negozianti e questo provvedimento è un primo esperimento.

Advertising