La sicurezza in quel di Altopascio

da
Advertising

EPSON DSC pictureLe cronache di Narnia. Ricordate il film? Nella Piana di Lucca assistiamo periodicamente all’elogio di sindaci ai propri vigili urbani per aver compiuto mirabolanti imprese stile 007. A Porcari ritrovate pianticelle per estrarvi la droga in giardino di un tizio. Apriti cielo. Beccati dai vigili due individui originari del Maghreb che smontano il motore da un veicolo. Il sindaco Baccini plaude al pubblico dominio l’impavida operazione degli uomini con la divisa azzurra. Semmai andrebbe chiesto ai due trovati in flagranza perché volessero portar via solo il propulsore e non tutta l’auto, ma questo glielo domanderà direttamente il giudice. E Altopascio? L’eroico comandante Gatto non si riposa nemmeno in vacanza. Sulla spiaggia delle ghiaie all’isola d’Elba, a godersi il sole, deve intervenire per salvare una vecchia che rischia di annegare. Gesto lodevolissimo ma accaduto fuori dai nostri confini. Adesso al comando di via Bientinese è tutto tranquillo. L’amarcord è d’uopo. Vi rammentate le cimici tarocche, le ricariche per ore ed ore di notte del telefono cellulare privato da parte di un agente? Ah! Che tempi. Adesso al massimo leggiamo che un noto agente della municipale, avvertito del furto ai danni del consigliere comunale e commercialista Massimo Salvadori, cerca di inseguire a piedi il ladro maldestro con le mani ma svelto di gambe con l’ausilio dei carabinieri, ma i malviventi al giorno d’oggi hanno una marcia… podistica in più. Prenderli è dura. In compenso in un comune limitrofo a quello altopascese, ma in provincia di Pisa, è stato multato il carro funebre durante un funerale. Speriamo non si sia trattato di eccesso di velocità! Consigliabile un pizzico di corso palestra e corsa campestre per i rappresentanti delle forze dell’ordine che d’ora in poi avranno come sostegno gli ausiliari della sicurezza: pensionati e volontari armati solo di telefono che se ne vanno in giro a curiosare per il territorio, avvertendo in caso di situazioni sospette. Non chiamatele ronde. Ma ve lo immaginate d’inverno, quando fa meno 5 sotto lo zero? Ci sarà la coda. A metà settembre, ricordate, vedremo le guardie private di fronte ai negozi: già, ma pagate da chi ?

Advertising