Marchetti dal generale Boi della 46^ Aerobrigata per i sorvoli

da
Advertising

Sarà fatto tutto il possibile per minimizzare il disagio derivante dai voli militari che la 46′ Brigata Aerea effettua sopra il territorio comunale di Altopascio.
Questo, in estrema sintesi, il risultato dell’incontro che Il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti ha effettuato nei giorni scorsi, ricevuto nel quartier generale della 46° Brigata Aerea di Pisa dal Comandante, il Generale Roberto Boi
L’incontro è nato a seguito di una lettera indirizzata dal sindaco Marchetti allo stesso Comando, dopo che il Comune aveva ricevuto da parte di diversi cittadini lamentele, incentrate sulla intensificazione, negli ultimi periodi, dei passaggi aerei sopra il territorio comunale di Altopascio, in particolare nella zona di Badia Pozzeveri.
La lettera era stata indirizzata alla 46° Brigata Aerea di Pisa, perché è proprio quel Comando che materialmente si occupa di effettuare il servizio di aerotrasporto che permette ai paracadutisti di lanciarsi nelle loro esercitazioni, prevalentemente nella zona del Padule.
Il lungo colloquio fra Marchetti e Boi ha messo in evidenza la grande attenzione che il Comando della 46° Brigata Aerea di Pisa pone, in generale, verso i temi della sicurezza e dell’inquinamento acustico, ed in particolare nei confronti degli abitanti delle zone di sorvolo dei velivoli.
“Sono molto soddisfatto del cordiale scambio di opinioni con il Generale Boi e il suo qualificato staff- commenta il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti- perché mi hanno dimostrato chiaramente di conoscere alla perfezione il problema, affrontandolo con una sensibilità molto spiccata verso la riduzione dei disagi alla cittadinanza, sia sotto l’aspetto dell’inquinamento acustico che della sicurezza. Ci siamo lasciati con l’impegno da parte loro di valutare tutte le possibili opzioni per ridurre al massimo i disagi alla popolazione. Ringrazio il Comandante per la sua disponibilità e attenzione per gli abitanti di Altopascio”.
Il Generale Boi e il suo staff hanno spiegato al sindaco Maurizio Marchetti che nei primi giorni di agosto e precisamente il 6, giorno in cui la popolazione ha avvertito una attività particolarmente elevata, é possibile che insieme agli aviolanci dei paracadutisti, la zona sia stata interessata da un passaggio di aviogetti non appartenenti alla 46° Brigata Aerea, che essendo più rumorosi di quelli a elica, possono aver generato un elevato impatto acustico che ha creato il disagio lamentato dagli abitanti.

Advertising