Fondo anticrisi al Comune di Altopascio

da
Advertising

sanjacopoAnche per il 2014, per il terzo anno consecutivo, l’amministrazione comunale di Altopascio conferma l’erogazione del Fondo Anticrisi, aumentando la dotazione di questo strumento finalizzato a sostenere le famiglie in difficoltà che sono oggi sempre più numerose anche sul nostro territorio.

“In questo momento di difficoltà stiamo privilegiando gli interventi concreti alle parole, che altri soggetti spendono con grande facilità senza poi dare seguito a fatti- commentano il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti e l’assessore al sociale Elena Silvano-. In questo senso l’attenzione costante per le fasce più deboli della popolazione e un occhio di riguardo ai pensionati sono stati i fattori trainanti della volontà di confermare anche per il 2014 il Fondo Anticrisi , inserendo al suo interno un provvedimento dedicato a chi con l’introduzione della Tasi si è trovato a pagare di più rispetto a quanto avrebbe dovuto pagare con l’Imu. Per il comune di Altopascio che, ricordiamo, con l’aliquota del 2.3 essere stato il più basso della Piana, la “soglia” è una rendita catastale di 350 euro. Insomma un provvedimento che va incontro davvero alle fasce meno protette dalla crisi e che, non a caso, ha trovato consenso nei sindacati ”.

Il confronto costante con i sindacati ha portato prima alla sottoscrizione dell’accordo generale e poi a condividere la struttura del fondo anticrisi 2014 che risulta composto da due bandi:

– il primo, generale, dedicato a contributi in denaro, buoni alimentari, rimborso tributi comunali relativi a Tasi, centro diurno, Asilo nido. I richiedenti devono avere un reddito di accesso pari al minimo vitale aumentato di 200 euro e per i pensionati un reddito pari al minimo vitale aumentato di 280 euro

– il secondo, dedicato al contributo per la Tasi che riguarda quelle famiglie che hanno residenza in un’abitazione di proprietà (unica abitazione di proprietà) con rendita catastale inferiore a 350 euro e un reddito di accesso pari al minimo vitale aumentato di 300 euro.

Il provvedimento sulla Tasi va ad aggiungersi alla decisione della giunta municipale guidata dal sindaco Maurizio Marchetti, su proposta dell’assessore al sociale Elena Silvano, di andare incontro a quelle famiglie che vivono momenti di difficoltà quotidiana legati alla presenza di un membro con handicap in situazione di gravità, per le quali è stata deliberata il 9 settembre 2014 una riduzione del 50% sull’importo che ha portato un minore introito nella casse comunale di 16.000 euro.

L’importo complessivo del Fondo Anticrisi 2014 è dunque di oltre 67.000 euro (composto da 51.077,07 del bando e da 16.000 euro di mancato introito – contro i 50.000 del 2012 e i 65.000 del 2013)

E’ possibile visionare i bandi e la domanda sul sito del comune: www.comune.altopascio.lu.it/bando-fondo-anticrisi-2014

Advertising