Matteo Tori incontra segretario Pd e medita esposto sulla vicenda piscina

da
Advertising

searchEsposto alla Procura sulla vicenda piscina di Altopascio ? Dopo le vicende giudiziarie che hanno investito la ditta che aveva vinto l’appalto e che avrebbe dovuto realizzare un complesso sportivo in località Riatri a Spianate (con specchio d’acqua olimpionico, ristoranti, spiaggia esterna estiva per circa 6 milioni di euro), il consigliere di Liberaltopascio Matteo Tori dell’opposizione, medita l’invio della richiesta di indagini. Nei prossimi giorni avrà luogo l’incontro con l’altro gruppo di minoranza, quello del Pd. Nel summit con il segretario comunale del Partito Democratico del Tau Simone Bicocchi, verranno esplorate tutte le possibilità. “Abbiamo sempre sostenuto che la piscina di Altopascio non sarebbe mai stata realizzata e che l’operazione anta con un project-financing nel 2004 era priva di logica – scrive Tori – ora il sindaco Marchetti, nel tentativo di liberarsi dalle responsabilità politiche del fallimento della vicenda, dopo le notizie di sequestro di beni della ditta che avrebbe dovuto costruire l’impianto, si è lasciato andare ad affermazioni inesatte. Il fatto che la stessa ditta era stata oggetto di un provvedimento penale a carico del suo amministratore unico – prosegue Tori, – era apparso sul web fin dal luglio 2013 ed era stata letta nel consiglio comunale del 16 marzo 2014 durante l’approvazione del subentro del Comune alla dismessa Altopascio Servizi s.r.l. Inoltre il primo cittadino sostiene che non è stato sborsato un euro, invece la comunità ha pagato i debiti della società in house. Marchetti e la sua giunta hanno gestito male la storia e i veri sconfitti sono i cittadini di Altopascio”.

Advertising