Da S.Gilles a Altopascio a piedi

da
Advertising

Altopascio si conferma paese dell’ospitalità e accoglie 4 pellegrini provenienti dalla Francia, precisamente dal paese gemellato di St.Gilles. Insieme a loro gli amministratori francesi e italiani visitano una mostra della scuola di pittura del centro d’oltralpe e programmano nuove iniziative, che coinvolgeranno in modo particolare i ragazzi e gli studenti.

Il legame nato tanti anni fa, formalizzato in un gemellaggio ufficiale, è molto sentito dalle amministrazioni comunali di Altopascio e St.Gilles du Gard. Per questo vengono periodicamente organizzati scambi di visite e incontri che portano sempre valori aggiunti sul piano culturale e non solo, coordinati dall’assessore alla cultura Nicola Fantozzi.

Nei giorni scorsi, nell’ambito delle iniziative di scambio culturale con la città francese che hanno preso il via con il vernissage in sala Granai di piazza Ospitalieri della mostra della Scuola di Pittura di Saint-Gilles, sono giunti ad Altopascio un gruppo di 4 pellegrini partiti dal centro alle porte della Camargue lo scorso 2 Settembre. Un itinerario pianificato da tempo e completato interamente a piedi in 32 tappe, suggestivamente documentate in modo molto dettagliato sul blog consultabile all’indirizzo internet jumelagealtopascio.blogspot.it .

A riceverli, presso l’abbazia di Badia Pozzeveri, il presidente del consiglio comunale e delegato ai gemellaggi Fabio Orlandi, assieme ad un gruppo di altopascesi che li hanno poi accompagnati nell’ultimo tratto fino al centro di Altopascio. Tra di loro anche Alberto Carmignani che in anni passati, aveva raggiunto Saint-Gilles in bicicletta partendo da Altopascio. .

I pellegrini sono stati ricevuti dal vicesindaco Francesco Fagni, che li ha omaggiati di una targa commemorativa dell’evento e si sono ricongiunti con la folta delegazione di concittadini francesi già presente da alcuni giorni. Per loro, dopo aver percorso oltre 600 chilometri, l’obbiettivo è ora proseguire lungo la via Francigena fino a Roma.

Advertising