Si dimette capogruppo dell’opposizione a Montecarlo Bernardini

da
Advertising

bernardini opp.ne montCambia a sorpresa la composizione del consiglio comunale di Montecarlo. Si è dimesso ieri mattina, infatti, Massimo Bernardini, capogruppo della coalizione “Progetto Comunità”, all’opposizione nel civico consesso del piccolo borgo. Il consigliere ha protocollato la sua rinuncia e quindi quest’ultima diventa irrevocabile. Le motivazioni? Personali, ma il diretto protagonista della vicenda non ha aggiunto altro. E comunque non sarebbero dettate da questioni politiche. Ex dipendente del Municipio di via Roma per decenni, al settore anagrafe e non solo, Bernardini è molto conosciuto in paese proprio per il suo lavoro, sempre a contatto con i cittadini. Residente nel territorio montecarlese, è andato in pensione da un paio di anni. Nel 2009 fu “corteggiato” politicamente dalla sinistra locale (che non vince le elezioni dal 1995 con Nicola Poleschi), per la candidatura a sindaco che però non accettò. Successivamente, con la fine del suo impegno come dipendente comunale, ha stravinto le primarie del centrosinistra e si è candidato a sfidare Vittorio Fantozzi nel 2014 che però ha mantenuto in modo netto la carica di sindaco. Molto preparato, Massimo Bernardini, non più tardi di qualche giorno fa è intervenuto con la proposta della realizzazione della rotonda in località Turchetto, tra Altopascio e Montecarlo e con una interrogazione sugli ambulatori medici alla fondazione Pellegrini-Carmignani. A testimonianza di un suo impegno concreto anche di recente sull’attività consiliare e sugli argomenti di stretta attualità per Montecarlo. Ieri però, quando nessuno se lo aspettava, la volontà di tirarsi fuori dalla politica. Chi prenderà il suo posto? Con Stefano Nacchi che dovrebbe diventare il nuovo capogruppo, entrerà nell’assise comunale il primo dei non eletti, l’architetto Pier Guido Pini.

Advertising