I commenti dei 4 candidati a sindaco

da
Advertising

searchC’è un certo “attapiramento” nel clan di Francesco Fagni, il candidato del centrodestra che non è riuscito a vincere al primo turno il quale sportivamente riconosce anche i meriti della sua avversaria: “Pensavo di conquistare subito il 50 % dei consensi ma in Toscana nei Comuni sopra 15 mila abitanti nessuno ce l’ha fatta. Però adesso ripartiamo con il lavoro. E’ necessario convincere la gente di centrodestra a recarsi alle urne. Marginone? Non ho problemi a riconoscerlo. Il 49 % in quella due sezioni, come ho ottenuto io – conclude Fagni – non basta per vincere al primo turno. E’ una prima volta, quella del ballottaggio, adesso si riparte”. Soddisfazione invece in casa Pd e nell’entourage di Sara D’Ambrosio la quale commenta: “Il ballottaggio era il primo obiettivo, partivamo dal 27 % del 2011, siamo al 40, si percepiva una voglia di cambiamento. Ho tenuto da tutte le parti, Marginone determinante. Nelle prossime due settimane cercheremo di colmare i 406 voti di differenza ma senza stravolgere nulla della strategia applicata sinora. Il segreto? Il contatto diretto tra la gente. Adesso è un confronto e quindi una scelta per gli elettori fra due progetti e due idee, una di continuità, una di cambiamento. Apparentamenti?  Il nostro progetto è chiaro, se vi sono punti convergenti vedremo”. Numeri alla mano non entrerebbe in consiglio Ferruccio Del Sarto, ma con le alleanze ci sono speranze per la sua lista “Saremo determinanti per la futura amministrazione – commenta Del Sarto, – eravamo da soli  e smarcati da tutti i partiti. Ringrazio i nostri elettori”. Matteo Tori: “Mi attendevo di più, la lista Del Sarto ci ha eroso consensi, nessun apparentamento”.

Advertising