BOLZANO – Citt di Bolzano – Bolzano attiva e solidale: aiutaci ad aiutare. Una guida ai servizi ai senzatetto

da
Advertising

Una campagna d’informazione per far capire come la Citt risponde alle necessit di chi vive ai margini

Bolzano attiva e solidale: aiutaci ad aiutare
lo slogan di una campagna d’informazione
sul tema dei senzatetto che chiedono l’elemosina.
Il tentativo di far capire l’impegno di una Citt pronta ad
aiutare e sostenere chi non ha nulla e si trova a vivere per
strada. Stamane nel corso di una conferenza stampa
in municipio a Bolzano, l’Assessore alle Politiche Sociali
del Comune Sandro Repetto
, ha presentato una campagna
d’informazione su questo tema. Si tratta in particolare di una
guida ai servizi per i senzatetto “Bolzano attiva
e solidale”. La guida, presentata per la prima volta nel novembre
del 2013, rivista e aggiornata, mostra i servizi, con le varie
tipologie di offerta e di modalit di accesso, che la
Citt di Bolzano, attraverso l’Azienda Servizi Sociali, con
Volontarius, River Equipe, San Vincenzo De Paoli,
Vinzenzgemeinschaft, Caritas Diocesi Bolzano- Bressanone, Croce
Rossa Italiana, Parrocchie e Conventi mette a disposizione per i
senzatetto. Tra le novit di questa edizione, il
trasferimento dell’Assistenza di Strada gestita da Vinzibus
Sdtiroler Vinzenzgemeinschaft e Camper Volontarius e dalla
San Vincenzo de Paoli, alla nuova struttura in Piazza Verdi, che
offre assistenza, ascolto e accompagnamento sociale e la sera,
tutti i giorni della settimana, la possibilit di poter
gustare un pasto caldo in un ambiente protetto e amichevole. Tra le
altre novit anche l’apertura dell’Emergenza freddo all’Ex
Alimarket, gestita da Volontarius e River Equipe e in
collaborazione con la Croce Rossa e la Croce Bianca, che durante i
mesi invernali offre una sezione dedicata al pernottamento e prima
colazione dei senzatetto e una sezione per l’accoglienza di
richiedenti asilo politico, e il servizio di Consulenza Profughi
della Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone, che offre un servizio di
consulenza e supporto per e intorno alla tematica dei richiedenti
asilo politico. La guida sar distribuita capillarmente
nella citt e sar disponibile presso l’URP del
Comune di Bolzano.

Anche a Bolzano, si acuiscono le emergenze dei pi deboli
ed emarginati, delle persone che non hanno un tetto sulla testa,
una fonte di reddito, una famiglia che li sostiene, e si trovano a
vivere per strada. Si aggiunge l’emergenza delle persone che
scappano da situazioni di guerra, conflitti, devastazione e
povert, il cui disagio sociale mette tutti a dura prova.
L’aumento sensibile di persone che chiedono l’elemosina ai
passanti, chi pi discretamente e chi meno, obbliga tutti a
un confronto con il bisogno di chi meno fortunato e a una
riflessione profonda: come comportarsi? Dare la monetina, oppure
tirare dritto volgendo magari lo sguardo altrove? Ciascuno
ovviamente agisce secondo la propria coscienza, tuttavia pu
essere utile sapere che la Citt di Bolzano, insieme alle
sempre pi indispensabili associazioni di volontariato,
risponde in maniera organizzata alle necessit di chi si
trova a vivere ai margini della societ.

“Bolzano una citt attiva e solidale, che non si
ferma solo a guardare, ma che interviene sul disagio e offre una
via d’uscita che favorisca l’integrazione nella societ
delle persone bisognose attraverso l’utilizzo dei servizi offerti
dalla citt, seguendo una logica di progettualit –
questo lo scopo della campagna d’informazione”- ha
sottolinea ancora l’Assessore alle Politiche Sociali Sandro Repetto
che ha voluto ringraziareassociazioni di volontariato
equantisi impegnano nel fornire assistenza in
questoambito.

Davanti al disagio sociale il cittadino come pu aiutare, o
meglio, citando lo slogan della campagna d’informazione, come
pu “aiutarci ad aiutare”? Una possibilit
quella di dare una monetina o un panino a chi chiede le elemosina,
un’altra pu essere quella di stringergli in mano la guida
“Bolzano attiva e solidale” e indicarli la presenza sul territorio
dei diversi servizi, favorendo cos una presa in carico
della persona da parte dei servizi, in un ottica di
progettualit, favorendone l’integrazione nella
societ. Inoltre, dando un’offerta alle associazioni che
gestiscono i servizi, il cittadino ha la certezza che i soldi che
dona saranno effettivamente utilizzati per sostenere le persone
bisognose della nostra citt ed aiutarle ad uscire
dall’emergenza sociale.

Nel corso della conferenza stampa, la direttrice dell’Azienda
Servizi Sociali di Bolzano (ASSB) Michela Trentini, dopo aver
sottolineato che circa il 3% del bilancio complessivodi ASSB
viene impiegato in questosettore (3,166 milioni di
Eurol’ultimo anno),ha fornito alcuni dati tratti dalla
Relazione Sociale ASSB del 2015 relativi alla
cosiddetta inclusione sociale: dai servizi
offerti
(Servizio di integrazione sociale – SIS (gestione
diretta ASSB) – Senza dimora: Casa di ospitalit per uomini
senza dimora; Casa Margaret; Servizio Accoglienza notturna; Centro
emergenza freddo; Alloggi di secondo livello; Centro diurno e di
segretariato sociale “La Sosta”; Assistenza di strada – Immigrati:
Centro di Accoglienza Migrantes – accoglienza di emergenza –
stanze-albergo per lavoratori; Servizio di prima accoglienza per
immigrati; Servizio multizonale di consulenza e mediazione
interculturale per donne straniere- Profughi e richiedenti
protezione internazionale – Centro d’accoglienza per
profughi),agli utenti
intercettati
.
In particolare, persone senza dimora: Casa
dell’ospitalit per uomini senza dimora 107; Haus Margaret –
casa di ospitalit per donne senza dimora 59; emergenza
freddo 629; centro accoglienza notturna (c/o Conte Forni) 217;
alloggi di 2 livello (c/o Conte Forni); La Sosta – centro
diurno di segretariato sociale (c/o Conte Forni) 205; Oltre La
Strada – assistenza di strada 1.707, per un totale di 2.941
persone. Per quanto riguarda invece immigrati,
profughi e richiedenti protezione internazionale
: Casa
Migrantes – accoglienza
di emergenza per singoli/e 247, per famiglie 38 – prima accoglienza
(Casa Albergo Lavoratori) 80; Casa Migrantes – servizio di
consulenza giuridica e sociale per cittadini non comunitari 2.055;
servizio di consulenza e mediazione interculturale per donne
straniere immigrate 121; profughi e richiedenti protezione
internazionale – Centro di accoglienza (c/o Conte Forni) 105.
Totale 2.646 persone

Queste le associazioni che operano in favore dei senza
tetto:

Volontarius
Cassa di Risparmio di Bolzano – Sparkasse Bozen
IT 73 N 0604 5116 0800 0005 0004 33

Sdtiroler Vinzenzverein – Vinzibus
Banca Popolare di Bolzano – Sdtiroler Volksbank Bozen
IT 73 X 0585 6116 0105 0571 2307 11

San Vincenzo De Paoli
Banca Intesa Sanpaolo agenzia di via Milano 38 Bolzano
IT 46 Y 0306 9116 2210 0000 0035 32

Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone/Caritas Dizese
Bozen-Brixen
Cassa centrale Raiffeisen – Raiffeisen Landesbank
IT 42 F 0349 3116 0000 0300 2000 18

River Equipe
Cassa Rurale di Bolzano – Raiffeisenkasse Bozen
IT 66 C 0808 1116 0200 0304 0061 94

Croce Rossa Italiana- Italienisches Rotes Kreuz
Comitato Locale Alto Adige- Locale Alto Adige-Lokalkomitee
Sdtirol
Cassa di Risparmio di Bolzano – Sparkasse Bozen
IT 94 P 0604 5116 0000 0002 0009 71

Advertising