[ REGIONE TOSCANA ] Cementir-Sacci, Regione e Comuni chiedono un impegno concreto a tutela del lavoro

da
Advertising

FIRENZE – Mettere in atto ogni sforzo per superare la situazione di conflitto e tensione sociale determinata dal passaggio di proprietà e dalla riorganizzazione interna, in particolare per quei lavoratori per i quali ad oggi non è prevista la ricollocazione in altre attività. E’ quanto hanno chiesto a Cementir-Sacci la Regione e i Comuni di Greve in Chianti e San Casciano Val di Pesa.

 

All’incontro, che si è tenuto stamani in palazzo Strozzi Sacrati, hanno preso parte il consigliere per i problemi del lavoro del presidente Rossi, Gianfranco Simoncini, i sindaci, Paolo Sottani e Massimiliano Pescini, e i rappresentanti dell’azienda.

 

Le istituzioni hanno ribadito la necessità di dare una risposta positiva ai lavoratori che non sono ancora stati ricollocati in alcuna attività produttiva. L’azienda ha manifestato la disponibilità a cercare di garantire al massimo la ricollocazione e a valutare interventi volti a favorire la ricollocazione dei dipendenti rimasti senza occupazione.

 

Regione e Comuni hanno espresso l’auspicio che già nella riunione prevista la settimana prossima in Prefettura sia possibile verificare soluzioni per superare le difficoltà di questi lavoratori della Cementir-Sacci.

 

Fonte: Regione Toscana

Advertising