Firenze 70° Anniversario della prima elezione democratica del Consiglio comunale, venerdì la celebrazione nel Salone dei Cinquecento

da
Advertising

Una celebrazione per ricordare i 70 anni di vita democratica del Consiglio Comunale di Firenze. Venerdì prossimo 24 febbraio alle 16, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, la Presidente del Consiglio Comunale Caterina Biti accoglierà tutti coloro che hanno servito Firenze come Consiglieri Comunali.

“Abbiamo attinto ai nostri archivi per cercare di raggiungere tutti – spiega la Presidente Biti – ma serve il contributo dei mezzi di informazione perché la notizia arrivi anche a chi non è stato possibile contattare direttamente. Per noi è importante che tutti coloro che hanno contribuito con il proprio lavoro a far funzionare l’assemblea cittadina in questi 70 anni siano presenti.”

Alla celebrazione, oltre alla Presidente, saranno presenti il Sindaco Dario Nardella, Matteo Biffoni, Presidente di Anci Toscana e Simone Guglielmo, Coordinatore nazionale del Direttivo dei Consigli Comunali di Anci Nazionale.

Invitati anche tutti i sindaci e i presidenti dei consigli comunali dell’area metropolitana.

A parlare della storia del Consiglio saranno il Professor Mario Giuseppe Rossi, dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Professor Umberto Allegretti, Professore emerito dell’Università degli Studi di Firenze.

A tutti i presenti sarà distribuito il volume “Democrazia della Città – 70 anni di Consiglio Comunale di Firenze” che raccoglie i nomi di tutti coloro che hanno prestato il proprio servizio di Consigliere Comunale a Firenze dal 1946 a oggi. (fdr)

Di seguito, l’introduzione al volume della Presidente del Consiglio Comunale Caterina Biti.

 

Introduzione al volume Democrazia della Città, 70 anni di Consiglio Comunale di Firenze  della presidente Caterina Biti

 

A settanta anni dalle prime elezioni democratiche dell’appena nata Repubblica Italiana ci è sembrato giusto ricordare questo evento attraverso i nomi di tutti coloro che hanno prestato il loro servizio di Consigliere Comunale a Firenze.

 

Abbiamo scoperto, così, che la nostra Amministrazione conservava tutti i nominativi degli eletti con i loro dati anagrafici, il riferimento al partito di elezione ed i vari ruoli avuti durante il loro mandato nei registri presso l’Archivio Storico del Comune o presso gli Uffici della Direzione Servizi Demografici, ma non c’era un vero e proprio “archivio” dedicato agli eletti nell’assemblea cittadina di Firenze durante questi primi settanta anni della Repubblica.

 

L’idea, quindi, di celebrare le prime elezioni democratiche con un evento commemorativo, si è trasformata in un’occasione preziosa per raccogliere tutti i dati afferenti agli eletti e così creare una nuova “area” all’interno della grande banca dati del nostro comune in cui si possono trovare le persone che col loro impegno hanno contribuito nei decenni alla “costruzione” della nostra città.

 

Con questa pubblicazione si vuole dare riconoscimento all’impegno di tutti coloro che hanno dedicato anni al servizio della nostra città.

 

Nel preparare questo lavoro ci si è, per forza, confrontati anche con norme che sono cambiate negli anni; sopra tutte la nuova legge di elezione dei sindaci del 1993 che ha portato un cambiamento sostanziale nelle dinamiche che fino al quel momento regolavano i consigli comunali: da un’elezione del primo cittadino scelto dagli stessi consiglieri all’interno dell’assemblea, con tutti i  cambiamenti conseguenti che potevano accadere durante un quinquennio di mandato, all’elezione diretta del Sindaco da parte dei cittadini con la conseguente modifica del modo di lavorare del Consiglio Comunale.

 

Se i tempi, le norme, la politica e l’Italia sono cambiati in questi anni, ciò che mi posso permettere di dire non sia mai cambiato è lo spirito con cui un cittadino o una cittadina decide di candidarsi in Consiglio Comunale.

 

Dai comuni più piccoli della nostra bella penisola, alle città capoluogo più importanti, il ruolo del consigliere comunale ha delle peculiarità che possono essere corrisposte soltanto se alla base c’è la volontà di portare le istanze dei cittadini con vero spirito di servizio alla comunità che si rappresenta.

 

Sono stata, per questo motivo, fortemente impressionata, scorrendo i tanti nomi di questi primi settanta anni di Consiglio Comunale a Firenze, nel trovare uomini e donne tra i più conosciuti nella storia politica italiana e altri, invece, che lo sono soltanto in città o addirittura in piccole zone di Firenze.

Tutti uguali, però, nel servizio fondamentale che hanno fatto per la nostra città nello spirito di fare il meglio possibile per tutti i cittadini, sempre.

 

Vorrei soffermarmi su alcuni dei nomi, più o meno conosciuti, che mi hanno colpito in questo senso.

 

Nelle prime elezioni del 1946 ciò che impressiona di più è la storia degli eletti: uscivano tutti dalla guerra finita a Firenze appena due anni prima. Sono i consiglieri eletti nel 1946 che scelgono di eleggere come primo cittadino Mario Fabiani, il primo sindaco dell’età repubblicana e che, dopo questo impegno, continuerà la sua opera politica con altri incarichi importanti fino a quello di Senatore; è dopo aver conosciuto e visitato in Palazzo Vecchio il Sindaco Fabiani che Pablo Neruda scrive e dedica a Firenze la bellissima “ La città”.

La presenza femminile in consiglio è garantita già in quelle elezioni del ’46 con sei rappresentanti tra le quali colei che diventerà la prima Sindaca di Scandicci: Eleonora Turziani.

 

Scorrendo negli anni i nomi degli eletti non ho potuto non notare che le elezioni del 1951 portarono a Palazzo Vecchio alcuni personaggi che restano punti di riferimento importanti nella storia non solo di Firenze, ma d’Italia. Consiglieri comunali nel 1951 infatti furono Giorgio La Pira (eletto poi Sindaco dal Consiglio) che già aveva fatto parte dell’Assemblea Costituente, che tanto ha fatto per Firenze, e ancora di più con Firenze, in ambito internazionale nella ricerca del colloquio e del confronto all’epoca dei due blocchi che potevano determinare le sorti di una pace da poco conquistata. Nello stesso anno siedono sui banchi della Sala de’ Dugento anche Piero Bargellini, già assessore con La Pira, che poi sarà eletto Sindaco e gestirà con sapienza e coraggio il terribile momento dell’alluvione del 1966, e sempre nel 1951 è scelta dai cittadini Fioretta Mazzei, anch’essa assessore con La Pira e sempre impegnata nel dialogo interreligioso e nell’attenzione ai poveri della nostra città.

Accanto a questi nomi più conosciuti, in quegli anni servirono Firenze come consiglieri comunali anche Giuseppe Arpioni, fondatore dell’ “Opera per la gioventù Giorgio La Pira”, Generoso Patrone, trai fondatori e primo presidente dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali,  e Vasco Magrini che fu un asso dell’aviazione italiana che aveva, nel 1931, lanciato dal suo aereo il pallone del calcio d’inizio all’inaugurazione dello Stadio Giovanni Berta di Firenze.

 

Scorrendo negli anni si trova anche Pietro Calamandrei che, dopo il suo impegno ai livelli più alti nella politica italiana dall’Assemblea Costituente alla carica di deputato, nelle istituzioni e nel mondo accademico e universitario del nostro paese, si volle impegnare come consigliere comunale a Firenze, non potendo terminare però il suo mandato essendo scomparso proprio pochi mesi dopo l’elezione nel 1956.

Nello stesso anno erano consiglieri comunali anche Edoardo Detti, nominato Assessore all’Urbanistica, autore con gli uffici comunali del “Piano Detti”, il piano regolatore forse più conosciuto e ricordato dagli urbanisti di Firenze e Elio Gabbuggiani che poi fu eletto nuovamente e diventò Sindaco nel 1975.

 

Andando avanti nel tempo, a parte i consiglieri eletti che poi diventeranno Sindaci e per questo ricordati da tutti i fiorentini, mi ha colpito la presenza sui banchi della Sala de’ Dugento di scrittori e giornalisti quali Davis Ottati (eletto nel 1965) e Federico Scianò (1966), del famoso stilista Emilio Pucci (1965), di esponenti nel mondo dell’arte, sia della musica che dell’arte figurativa, quali Massimo Bogianckino (eletto nel 1985 e nello stesso anno eletto Sindaco) e Antonio Paolucci (eletto nel 1990) e di rappresentanti del mondo dello sport italiano come Giovanni Galli (eletto nel 2009).

 

Alcuni Sindaci eletti dopo il 1993, quindi direttamente dai cittadini, sono stati a loro volta consiglieri comunali in mandati precedenti (Dario Nardella è stato eletto consigliere nel 2005 e poi Sindaco nel 2014), mentre nel periodo precedente il 1993 poteva capitare che, a causa del sistema e del dinamismo politico, dei  Sindaci tornassero a rivestire il ruolo di consigliere all’interno dello stesso mandato; questo non fu il caso di Lando Conti, Sindaco fino al 1985, che rivestiva il ruolo di consigliere -e si stava proprio recando in Consiglio Comunale- quando venne ucciso dalle Brigate Rosse il 10 febbraio del 1986.

 

Dagli scranni della sala consiliare di Palazzo Vecchio poi sono passati, o tornati, onorevoli deputati e senatori, ministri, sottosegretari e un Presidente del Consiglio dei Ministri.

 

Insieme a loro tanti cittadini comuni, che sono tornati alle loro occupazioni al termine del loro impegno politico istituzionale come consiglieri comunali di Firenze.

 

Se ho messo egregi costituzionalisti accanto a stilisti e campioni del mondo di calcio, in maniera di sicuro non accademica e senza un serio criterio storico, è solo per mettere in risalto quella che, a mio parere, è la caratteristica che accomuna tutti loro e che ritengo sia la più importante: tutti coloro che si sono candidati e hanno ricoperto il ruolo di consiglieri comunali lo hanno fatto per essere a servizio  dei cittadini di Firenze.

 

Questa piccola pubblicazione vuole ricordarli solo per questo motivo; solo per il tempo e la passione che hanno dedicato alla Città.

 

E’ un lavoro semplice ma è stato impegnativo, soprattutto nella ricerca e dei dati dal 1946 ad oggi.

Ringrazio per questo tutte le persone che hanno lavorato a questa pubblicazione a partire dai membri della Segreteria della Presidenza del Consiglio per arrivare ai dipendenti dell’Archivio Storico del Comune di Firenze, senza scordare l’Ufficio Elettorale che ha curato la nota esplicativa sui cambiamenti normativi.

Con tutte queste persone ci siamo detti che un lavoro più approfondito sarebbe importante per far conoscere in maniera completa la storia della Democrazia della Città.

Speriamo che ciò possa accadere nei prossimi anni; anche se non dovessimo riuscire a dare compimento a questa nostra idea, ci siamo presi l’impegno di continuare il lavoro iniziato aggiornando, nei prossimi mandati, l’elenco dei consiglieri così come è stato fatto in questa pubblicazione.

 

 

Presidente del Consiglio comunale

 

Caterina Biti 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising