Firenze Bieber (PD): “Il Comune avvii una riflessione, Firenze è pronta per creare un suo Festival del libro”

da
Advertising

“Non spetta a me dare giudizi sulla riuscita della Fiera del Libro Aperto andata in scena alla Fortezza da Basso nei giorni scorsi, una manifestazione che è stata accompagnata da giudizi molto positivi ma anche da qualche polemica politica e critiche sull’organizzazione; ma un dato non deve sfuggire: nei tre giorni di apertura quasi 22mila persone hanno visitato la fiera, pagando il biglietto di ingresso. Si tratta di un segnale significativo che sarebbe un errore non cogliere per la nostra città”. Questo il commento del consigliere PD Leonardo Bieber, che ha svolto nel consiglio comunale di oggi una domanda d’attualità.

“Ricordo che come presidente della Commissione cultura, nello scorso mandato, avevo promosso vari atti e iniziative pubbliche per sostenere le librerie indipendenti e le piccole case editrici – ha aggiunto Bieber –. Senza pensare di andare a competere con le grandi e blasonate manifestazioni di Torino o Milano, crediamo che Firenze potrebbe ritagliarsi un ruolo nel panorama nazionale delle fiere dedicate all’editoria. Pensiamo ad esempio a settori specifici, come le edizioni per bambini, quelle dedicate all’alimentazione o ai viaggi, per non dire dell’arte, vero ‘core business’ della nostra città, tutte ‘nicchie’ di mercato che negli ultimi anni sono molto cresciute nel gradimento dei lettori”.

“Vogliamo augurarci che l’amministrazione comunale avvierà una riflessione su questo tema. Firenze ha un tessuto ricco di realtà editoriali interessanti e dinamiche. Mettersi intorno a un tavolo con Città metropolitana e Regione e tutte le realtà del settore interessate per cominciare a parlare di una Fiera del libro e dell’editoria a Firenze sarebbe un’operazione di grande fascino e interesse” ha concluso l’esponente PD. (fdr)

 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising