[REGIONE PIEMONTE] Nessun taglio di posti letto in psichiatria

da
Advertising

L’assessorato alla Sanità smentisce le affermazioni di un consigliere regionale di opposizione in merito alla ridefinizione dei budget delle case di cura psichiatriche.

L’ipotesi di riconvertire o addirittura di cancellare in un colpo solo 500 posti letto neuropsichiatrici non è allo studio e non è neanche mai stata ipotizzata dalla Giunta Chiamparino. La possibilità che vengano creati ulteriori posti letto di riabilitazione è poi del tutto impraticabile, in quanto già oggi in Piemonte il numero è superiore agli standard previsti.

“Non si può continuare a creare allarmismi ingiustificati nelle famiglie e negli operatori – sottolinea l’assessore Antonio Saitta – È ora di smetterla di pensare alle proprie fortune politiche sulla pelle dei pazienti. Come è noto vogliamo arrivare a una riforma del settore, ma senza alcuna riduzione di risorse: intendiamo soltanto fare in modo che i pazienti siano curati in base alle loro esigenze e non a quelle dei privati. Chi svolge questa attività deve essere accreditato, adottare tariffe congrue, avere requisiti sufficienti e personale adeguato alla tutela del malato”.

Author Gianni Gennaro Questo indirizzo email è protetto dagli . È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Fonte: Regione Piemonte
Fonte: ANSA

Advertising