[REGIONE PIEMONTE] Iniziato il Festival del giornalismo alimentare

da
Advertising

E’ stata l’assessora regionale alla Cultura e al Turismo, Antonella Parigi, ad aprire il 23 febbraio nella Biblioteca nazionale di Torino la seconda edizione del Festival del giornalismo alimentare.

Nel suo intervento ha ricordato che “da tempo la Giunta regionale è impegnata sui temi dello spreco alimentare, della sicurezza alimentare, della difesa dei presidi alimentari, che è la difesa di un sapere immateriale che non va perduto. Tutto ciò che è agroalimentare fa parte di una visione del mondo che deve essere la leva di uno sviluppo sostenibile. L’equilibrio tra sviluppo e sostenibilità rappresenta per il Piemonte una grande opportunità che stiamo affrontando con la Città di Torino, come dimostrano le molte iniziative che stiamo realizzando insieme, ad esempio la presenza della Bocouse d’Or a Torino nel 2018”.

Il Festival ha l’obiettivo di far incontrare 120 tra giornalisti, comunicatori, blogger, aziende, istituzioni, uffici stampa, scienziati, alimentaristi e influencer, e quest’anno ha la media partnership di Rai Radio 1, che segue tutti i lavori dedicandovi l’intera puntata della trasmissione “Coltivando il futuro” di sabato 25 febbraio. Diverse le tematiche: dal rapporto con il consumatore alle numerose campagne contro gli sprechi, passando per l’attenzione crescente alle etichette e l’origine di miti, paure e allarmismi, fino ai reati alimentari e le agromafie, senza dimenticare il valore dell’enogastronomia per la promozione e crescita economica di un territorio.

Uno spazio importante è dedicato al confronto tra giornalisti e blogger, che si interrogano su temi sensibili come la qualità dell’informazione alimentare, la responsabilità sociale di chi ha il delicato compito di comunicare il cibo ad un’opinione pubblica sempre più attenta ed esigente, la pubblicità occulta e le bufale, mentre insieme alla Federazione nazionale della stampa italiana si ragiona sulla complessa trasformazione in atto nel settore, sulla nascita di nuove categorie professionali e sui loro diritti. In prima linea anche gli approfondimenti su come l’universo della comunicazione sta affrontado argomenti di grande attualità come gli Ogm e le questioni legate a olio d’oliva e olio di palma, i casi di cronaca su alimentazione vegana e minori, la “guerra del panino” nelle mense scolastiche, l’impatto del web sulla crescita del comparto agroalimentare e le ricadute delle nuove tendenze del food sullo scenario normativo, come la nuova legge nazionale sugli home restaurant.

La Regione Piemonte propone al Festival focus su due progetti specifici: “Una buona occasione” e “Acquista bene, conserva meglio”, sui temi della lotta agli sprechi e della sicurezza alimentare (giovedì ore 12), e un approfondimento sulle proprie politiche di valorizzazione del territorio attraverso i prodotti agro-alimentari (venerdì ore 11).

Accanto ai panel di lavoro anche quest’anno tornano gli eventi esterni aperti a tutti gli iscritti al Festival: giovedì 23 febbraio, a partire dalle 20, Fiorfood di Coop ospita in Galleria San Federico uno showcooking dal titolo “Scienza, sprechi e musica in cucina” in collaborazione con Aici, Associazione insegnanti di cucina italiana, e il programma radiofonico Cocina Clandestina di Grp che nel 2017 festeggia il suo 10° anniversario, presente anche il divulgatore scientifico Massimiano Bucchi con i suoi esempi di scienza applicata ai fornelli; venerdì 24 febbraio dalle 19.30 Palazzo Birago (Via Carlo Alberto 16) è palcoscenico di una serata a tema “L’ora del Vermouth e del cacao a Torino”, con presentazione e degustazione dei prodotti frutto delle sinergie fra i Maestri del Gusto della Camera di commercio di Torino, in particolare de L Türinèis, il nuovo vermouth con fave di cacao nato dalla collaborazione tra lo storico marchio Anselmo e Guido Castagna; sabato 25 febbraio, dalle ore 18, alla Città del Gusto di Torino-Gambero Rosso (corso Stati Uniti 18) è in programma “Sguardi di Gusto sul Perù”, originale lezione di cucina alla scoperta dei sapori e delle ricette della tradizione peruviana, in collaborazione con l’Associazione Agape.

Il Festival del giornalismo alimentare ha il patrocinio di Presidenza del Consiglio dei ministri, Ministero delle Politiche agricole, Regione Piemonte, Città metropolitana e Comune di Torino, Università degli Studi di Torino, Slow Food Italia, Federazione nazionale stampa italiana, Ordine dei Giornalisti del Piemonte e Associazione Stampa Subalpina. È realizzato con il contributo di Compagnia di San Paolo e Camera di commercio di Torino. L’evento è stato inserito tra quelli validi per i crediti formativi dei giornalisti e delle professioni medico-scientifiche.

Author Gianni Gennaro Questo indirizzo email è protetto dagli . È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Fonte: Regione Piemonte
Fonte: ANSA

Advertising