ALTOPASCIO Il “sogno italiano” di Tini si realizza oggi in una panetteria

da
Advertising

LUCCA. Aveva appena quindici anni quando sbarcò nel porto di Brindisi. Era arrivato dall’Albania con un barcone, insieme a decine di connazionali in fuga dalla loro patria in cerca di una vita migliore. Correva l’anno 2002 e Shendin Qosja, Tini per amici e parenti, approdava per la prima volta in Italia insieme a un cuginetto più piccolo. La famiglia, genitori e fratello, erano rimasti nella piccola cittadina albanese e vivevano dei proventi dell’agricoltura. A malincuore avevano consentito al figlio adolescente di abbandonare quella vita senza prospettive, per tentare una sorte più favorevole. Ma era giusto così. Tini era giovane e doveva avere un futuro migliore.

Per fortuna in Italia aveva un punto di riferimento. A Pescia abitava una cugina e qui il ragazzo abitò per qualche tempo, prima di essere trasferito a Lucca, al rifugio Carlo Del Prete che lo ospitò per oltre due anni. Da allora sono passati sedici anni e quel ragazzino è diventato un giovane uomo. Cinque anni fa si è sposato e oggi ha due figli, Diego e Martina di due e quattro anni e mezzo e vive a Picciorana. Una bella famiglia, ma per tirare avanti bisogna avere un lavoro, perché le spese sono tante e presto i piccoli andranno a scuola e ci sarà bisogno di guadagnare di più. Forse è proprio questo il momento di dare una svolta alla vita e rimboccarsi le maniche per cercare di costruire un futuro solido. Non da lavoratore dipendente, ma cercando di mettersi in proprio. Il lavoro comunque non gli è mai mancato, perché Tini non è mai stato con le mani in mano. Anche a costo di lavorare molte ore per pochi spiccioli. Per cinque anni ha fatto il falegname, poi ha trascorso due anni in cartiera e successivamente l’esperienza di un anno e mezzo in un forno di Altopascio, dove risiedeva in quel momento. Forse proprio qui è avvenuta la “folgorazione” con quella che sta diventando un’attività imprenditoriale, forte anche di un’esperienza quinquennale in una storica panetteria di Lucca. Il profumo e la fragranza del pane hanno dunque rapito questo giovane padre, tenace, determinato e ambizioso che ha imparato perfettamente il mestiere e che oggi, 1 aprile, alzerà la saracinesca del fondo al civico 72 di via Santa Croce che fino a poco tempo fa ospitava un negozio di articoli per l’infanzia e prima ancora una concessionaria di radiatori e un alimentari. L’appuntamento al “Forno da Tini” è per le 16 con un brindisi augurale per tutti. L’apertura al pubblico da lunedì. Un sogno che diventa realtà per Tini e la moglie Elda, ventisette anni, anch’essa albanese, conosciuta durante uno dei tanti viaggi del ragazzo per far visita ai genitori che ha continuato ad aiutare dall’Italia. Non sarà tutto rose e fiori e all’inizio dovranno fare molti sacrifici e lavorare sodo, lo sanno bene i due ragazzi, ma di coraggio ne hanno da vendere e con l’entusiasmo alle stelle, sono certi di avere intrapreso la strada giusta. È tutto pronto nel negozio completamente ristrutturato con arredi in legno nei toni dell’azzurro e una grande vetrina illuminata, dove saranno esposte le specialità prodotte direttamente nell’attrezzatissimo laboratorio attiguo nei forni elettrico e a vapore. Un ambiente sobrio, accogliente e molto luminoso, per realizzare il quale sono serviti circa tre mesi di lavoro. Ma il risultato non poteva essere migliore. «Mi alzerò ogni mattina alle quattro per preparare pane e focacce di ogni tipo – spiega Tino – e poi biscotti, pizzette e dolciumi da forno e avrò anche un vasto

assortimento di salumi, esclusivamente prodotti in Garfagnana, per farcire panini e focacce. Utilizzando ricette centenarie e uno speciale levame, preparerò anche un pane speciale che richiama i sapori del passato. E sarò lì ad aspettare i clienti sette giorni su sette, dalle 7.30 alle 19.30».

Fonte: Il Tirreno

Advertising