Firenze “I dream” di Michele Abbondanza

da

Termina la IX edizione della rassegna “INVITO DI SOSTA Appuntamenti con la danza contemporanea d’autore” ideata e organizzata dall’Associazione Sosta Palmizi, in collaborazione con il Comune di Arezzo. Domenica 9 aprile, alle 18,15 al Teatro Mecenate, va in scena l’ultimo spettacolo con l’autore, coreografo e danzatore Michele Abbondanza: “I dream”, creato insieme ad Antonella Bertoni e prodotto dalla Compagnia Abbondanza/Bertoni.

Un outing coreografico, una riflessione sul presente come fosse una memoria. Un viaggio frastagliato all’interno dell’immaginario di Michele Abbondanza, nome storico della nuova danza italiana anni Ottanta. Per la prima volta da solo sul palco, l’autore ripercorre la sua carriera artistica danzando, suonando, cantando e recitando in una performance ironica ed emozionante: “capita che alcune visioni ti prendano le gambe, ti facciano infilare una parrucca e non ti impediscano più di recitare una patetica felicità. E allora danzi la danza degli altri: quando una scimmia balla la polka, tutte le altre scimmie ballano la polka. Poi nel continuum di una reminiscenza dai contorni psichedelici, l’incontro con le maestre passanti che ti insegnano che il movimento non può essere che tuo, unico e irripetibile, perché solo se è così lo puoi condividere e trasmettere. E allora cerchi i tuoi simili, perché l’unione fa la forza, e fai e sfai un gruppo. E poi l’altra metà del cielo, e poi un angelo e poi l’inferno e poi, e poi… il cabaret di ricordi continua, stante e nonostante il disincanto canto; finalmente canto. È una vita che voglio cantare. Mi lascio volentieri travolgere e stravolgere. Come in un sogno.”

Collaborazione di Tommaso Monza. Luci Andrea Gentili. Video Tommaso Monza e Andrea Gentili. Consulenza drammaturgica Bruno Stori. Con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Dip. Spettacolo, Provinacia autonoma di Trento – Servizio atttività culturali, Comune di Rovereto – Assessorato alla contemporaneità, Regione autonoma Trentino Alto Adige.

Al termine dello spettacolo il pubblico potrà confrontarsi con gli artisti, partecipando a un momento di conoscenza e approfondimento, importante sia per gli spettatori che per gli stessi artisti. Ingresso 10 euro, ridotto 8 euro per over 65, studenti e disabili.

Fonte: Comune di Arezzo