[ REGIONE TOSCANA ] Remaschi al Vinitaly. Domani la firma dell'accordo Bei-Regioni per il fondo di garanzie delle imprese

da
Advertising
Marco Remaschi con Phil Hogan

Marco Remaschi con Phil Hogan

FIRENZE – La 51esima edizione di Vinitaly coincide, quest’anno, con il sessantesimo anniversario del Trattato di Roma che aprì la strada alla nascita della Comunità economica europea. L’assessore all’agricoltura, Marco Remaschi, parteciperà nel pomeriggio di domani, sabato 8 aprile, alla conferenza “Sessant’anni di Europa, sessant’anni di politica agricola comune, l’agricoltura europea dalle radici al futuro” organizzata proprio in relazione a questo anniversario e alla quale sono stati invitati i ministri all’agricoltura europei e gli assessori delle regioni italiane.

Al convegno, che si svolgerà alle 17 al Palazzo della Gran Guardia di Verona, parteciperanno, assieme al ministro italiano alle politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina, il maltese Goderick Galdes in qualità di presidente di turno del Consiglio dell’agricoltura e della pesca dell’Unione Europea e il commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale Phil Hogan. Al termine vi sarà la cerimonia di lancio della piattaforma multiregionale di garanzia nel corso della quale sarà firmato l’accordo quadro tra Bei, la Banca europea per gli investimenti, Fei, il Fondo europeo per gli investimenti, Cdp, la Cassa depositi e prestiti, Ismea, l’Istituto di servizi per il mercato agricolo, e le prime otto regioni italiane, tra cui la Toscana, aderenti all’iniziativa.

Vinitaly, la manifestazione che si tiene a Verona dal 1967 con cadenza annuale e che conta più di 4 mila espositori l’anno ed oltre 150 mila visitatori per edizione, partirà ufficialmente domenica 9 e si concluderà mercoledì 12 aprile. Anche quest’anno la Toscana sarà ben rappresentata, con oltre 700 aziende. L’assessore Remaschi prenderà parte alla cerimonia inaugurale che si terrà alle ore 11.00 di domenica mattina. Nel pomeriggio parteciperà inoltre alla consegna del premio Angelo Betti, destinato ai benemeriti della viticoltura.

Fonte: Regione Toscana

Advertising