[Lucca] Il Santo del giorno, 12 Aprile: San Zeno, Pietro Valdo e i Valdesi

da
Advertising

Lucca –

Il 12 aprile è il 102º giorno del Calendario Gregoriano (il 103º negli anni bisestili). Mancano 263 giorni alla fine dell’anno.

Il Cristianesimo celebra:art_4650_1_Spiezer_Chronik_Jan_Hus_1485-300x275

Sant’Alferio, abate

San Basilio di Pario, vescovo

San Costantino di Gap, vescovo

San Damiano di Pavia, vescovo

San David Uribe Velasco, martire

Sant’Erchembodone di Thèrouanne, vescovo

Santi Ferdinando da Portalegre ed Eleuterio de Platea, martiri mercedari

San Giulio I, Papa

San Giuseppe Moscati, laico

San Saba il Goto, martire

Santa Teresa di Gesù delle Ande (Giovanna Fernandez Solar), monaca carmelitana

Santa Vissia di Fermo, vergine e martire

San Zeno, vescovo di Verona

San Basilio, vescovo – Chiesa ortodossa e Chiese greco-cattoliche di rito bizantino

Pietro Valdo, predicatore – Chiesa Luterana

Beato Lorenzo, sacerdote

Essendoci una comunità valdese ed una chiesa a Lucca, in via Gallitassi, oggi Vi parliamo di un Santo della Chiesa Luterana:

Valdo di Lione, noto anche come Pietro Valdo o Valdesio, in latino (Lione, 1140 – 1206 circa), che fu un mercante francese che ispirò lo sviluppo della Chiesa evangelica valdese.

La corrente valdese del cristianesimo nasce nel Medioevo, precisamente nel XII secolo, come movimento religioso, costituito da contadini e in genere da poveri, precede di poco quello promosso da Francesco d’Assisi. Tradizionalmente si fa risalire la fondazione del movimento a Valdo di Lione, in realtà, l’origine dei Valdesi si confonde con il grande fermento di movimenti pauperistici di riforma del Cristianesimo sviluppatisi nel corso del XII secolo.

Anche perché di Valdo non si hanno molte notizie certe. Forse veniva dal contado ed in città aveva fatto una fortuna, si dice anche prestando denaro, che distribuì tutta ai poveri, andando a mendicare con loro. A chi gli chiedeva spiegazione di un comportamento che poco dopo adotterà anche il Poverello d’Assisi, anch’egli proveniente da famiglia che commerciava in tessuti, rispondeva: “Se vi fosse dato di vedere e credere i tormenti futuri che ho visto e in cui credo, forse anche voi vi comportereste in modo simile!”.

Si racconta che ciò sarebbe successo nella primavera del 1173: Valdo, ascoltando un giullare cantare la Légende de saint Alexis – un poema in langue d’oil del 1080 di Tedbaldo di Vernon, tratto da un’antica leggenda greca del V secolo – il punto in cui Alessio comunica alla moglie la sua decisione di vivere in povertà e castità avrebbe convinto Valdo a fare altrettanto. Il giorno dopo Valdo chiese consiglio a un maestro di teologia, che lo esortò a dare ai poveri tutti i suoi beni e a seguire una vita perfettamente cristiana.

I beni immobili furono lasciati alla moglie mentre il denaro venne in parte donato ai poveri e alle vittime della sua usura e in parte andò a costituire la dote delle due figlie destinate al convento di Fontevraud.

Il Terzo Concilio ecumenico lateranense si aprì a Roma il 5 marzo 1179; sono presenti anche Valdo e alcuni seguaci per chiedere l’approvazione della loro confraternita – che fu concessa – e il permesso di predicare.

Durante il convegno di Verona con l’imperatore Federico Barbarossa, l’unico Papa lucchese, Lucio III promulgò dalla Basilica di San Zeno, il 4 novembre 1184, la costituzione Ad abolendam diversarum haeresium pravitatem che si occupa dei mezzi da adottare per condurre a fondo la lotta contro le eresie, di fatto istituendo l’Inquisizione e la lotta armata contro gli eretici, si afferma: «Decretiamo dunque che siano colpiti da anatema perpetuo innanzi tutto i Catari e i Patarini e coloro che, con falso nome, affermano mentendo di essere Umiliati o Poveri di Lione, Passagini, Giuseppini, Arnaldisti» – e in generale contro coloro che professino dottrine non autorizzate sui sacramenti e che predichino senza essere stati autorizzati. Quell’anatema non si indirizza dunque contro i Poveri di Lione, ma contro coloro che si spacciassero per tali, segno che vi erano movimenti di predicatori il cui messaggio era molto vicino a quello contenuto nelle predicazione valdese. Ma è per poco. La predicazione attuata anche da laici e dalle donne, il rifiuto delle gerarchie e della supremazia di Roma, la negazione della transustanziazione (cioè l’idea della presenza reale e sostanziale di Cristo nell’Eucarestia), una visione aperta e critica delle Scritture, a cui si può accedere individualmente, non potevano essere accettate dalla universale e accentratrice Chiesa romana.

chiesavaldese

La Chiesa Valdese a Lucca, in Via Gallitassi

maxresdefault

Domenico Maselli per tanti anni pastore della Chiesa valdese di Lucca. Già docente di storia del Cristianesimo presso l’Università di Firenze, è stato anche eletto deputato alla Camera nelle liste dei Democratici di sinistra-L’Ulivo nel 1994 e nel 1996.

rogo-eretico

Immagini di persecuzioni medioevali dei Valdesi

art_4650_1_Spiezer_Chronik_Jan_Hus_1485

eretici2

Fonte Verde Azzurro

Advertising