[REGIONE UMBRIA] TURISMO: “PER ATTRARRE QUELLO CINESE OCCORRE UN PIANO OPERATIVO, UN MARCHIO UNICO EUROPEO E ACCORDI CON LE LOR…

da
Advertising

Il consigliere regionale Claudio Ricci (Rp) annuncia la presentazione di una mozione attraverso la quale chiede alla Giunta l’elaborazione di un “piano di marketing operativo per lo sviluppo del turismo cinese in Umbria, sollecitando il Ministero del Turismo e l’Ente Nazionale Italiano per il Turismo affinché promuovano, in sede europea, la definizione di un ‘marchio’ unico per il turismo in Cina-Europa al fine di sviluppare la rete commerciale cinese e, quindi, collegarci i prodotti italiani e umbri”.

 

(Acs) Perugia, 18 aprile 2017 – “Nel 2016 i cinesi usciti dal loro Paese per turismo sono stati 122 milioni e cresceranno sino a 350 milioni nel 2020; il 15 percento arriva in Europa con una quota italiana pari all’1.2 percento (1.5 milioni). Privilegiano ricerca di esperienze utili a migliorare la vita”. È quanto rileva il consigliere regionale Claudio Ricci (Ricci presidente) convinto che “quello cinese, anche per propensione alla spesa, può diventare un mercato importante che necessita di semplificazione per i visti, più linee aeree e un piano commerciale per vendere un marchio (prodotto) europeo collegato a quello italiano e umbro”.

Ricci annuncia dunque la presentazione di una mozione per invitare la Giunta regionale ad “elaborare un piano di marketing operativo, per lo sviluppo del turismo cinese in Umbria, sollecitando il Ministero del Turismo e l’Ente Nazionale Italiano per il Turismo affinché promuovano, in sede europea, la definizione di un ‘marchio’ unico per il turismo in Cina-Europa al fine di sviluppare la rete commerciale cinese e, quindi, collegarci i prodotti italiani e umbri”.

Ricci chiede inoltre alla Regione di “implementare, in questo ambito, le azioni di promozione e collaborazione (co-marketing) con le principali aziende (company) cinesi che operano in Italia e, anche, con le società di calcio Milan e Inter, acquisite da gruppi cinesi”. RED/as

Fonte: Regione Umbria

Advertising