[REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA] Mobilità elettrica: Vito, piace progetto presentato da Sud Corea

da
Advertising

Trieste, 22 apr – L’assessore regionale ad Ambiente ed Energia,
Sara Vito, ha ricevuto a Udine una delegazione mista di
imprenditori sudcoreani e italiani accompagnati da dirigenti
dell’istituto di formazione professionale Ial.

A Vito è stata presentata l’ipotesi di un progetto sulla mobilità
elettrica che potrebbe essere sviluppato nelle realtà locali ed
all’interno dello Ial a costi limitati, con l’obiettivo di
ridurre l’inquinamento e i costi di gestione dei servizi svolti,
stimolando la diffusione dei mezzi ecologici.

In questo modo, inoltre si contribuirebbe a formare i giovani
nelle figure professionali che potranno avere più successo in
futuro quali, certamente, la realizzazione, la manutenzione e
l’assistenza dei mezzi a propulsione elettrica.

“Si tratta di un tema importante – ha evidenziato Vito – che
potrebbe aprire nuovi sbocchi nel mondo del lavoro proprio grazie
all’impegno degli istituti di formazione”.

Sono state così illustrate a Vito le potenzialità che potrebbero
derivare dall’introduzione di un programma di sostituzione dei
motori endotermici (a benzina o a nafta) con quelli elettrici.

Un’azienda coreana che collabora con gruppi industriali italiani,
infatti, ha brevettato un kit che consente di installare, in
alcuni modelli di auto, il motore elettrico al posto di quello
tradizionale, collocando nella vettura, anche se di piccole
dimensioni, le batterie e prevedendo il sistema di ricarica delle
stesse per inerzia, per esempio quando il mezzo si muove in
discesa.

“Ora – ha precisato Vito, sottolineando la presenza di Giorgio
Zanin nella delegazione – uno dei settori sui quali vale più la
pena di investire e è proprio quello della mobilità elettrica.
Questo incontro – ha concluso l’assessore – ci consentirà di
ragionare su progettualità che potrebbero dare ricadute positive
sul territorio regionale”.
ARC/RED/fc

Fonte: Regione Friuli Venezia Giulia

Advertising