Firenze 25 Aprile 2017. Le iniziative al Quartiere 5 per il 72° anniversario della Liberazione

da
Advertising

In occasione del 72° anniversario della Liberazione il Quartiere 5 e l’Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea (ISRT) propongono un progetto storico didattico curato dalla dottoressa Eugenia Corbino dal titolo “Tra il Mugnone e Cercina: itinerari della Guerra e della Resistenza nel Quartiere 5”.

Il testo, che esce in questi giorni in versione cartacea e in versione interattiva su web (http://q5.comune.fi.it/), costituisce un interessante itinerario fra luoghi, storie e valori che ebbero come scenario il territorio del quartiere 5 nel periodo fra il 1943 e il 1944.

Questo testo sarà proposto, a partire dal prossimo anno scolastico, agli Istituti comprensivi del Quartiere con l’intenzione di fissare nella memoria storica diffusa quanto avvenuto nel quartiere durante il passaggio della guerra e la lotta per la liberazione di questi territori. Storie di uomini e donne che allora, fino al martirio, si impegnarono per consegnare a noi un futuro democratico.

“Conservare e trasmettere la memoria di un territorio – sostiene il presidente del Q5 Cristiano Balli – assume un’importanza prioritaria per il quartiere che in questi anni ha subito le maggiori trasformazioni urbane e sociali della città. Per evitare che luoghi e protagonisti della storia del quartiere siano riconosciuti solo come nomi di strade, è necessario mantenere viva un’identità collettiva e territoriale, partendo dal riallacciare i legami con il nostro passato. Per questo il Quartiere 5 è da sempre stato attento a ricostruire la memoria degli eventi salienti che portarono alla Liberazione della città, medaglia d’oro della Resistenza”.

“Nel passare del tempo e delle generazioni, trasmettere la conoscenza della storia dei luoghi – dichiara il direttore dell’ISRT, Matteo Mazzoni – significa non solo mantenere viva la storia di un territorio e di una comunità, ma anche restituire un significato concreto a parole come guerra, solidarietà, libertà e al nostro stesso essere cittadini e non semplicemente passanti, utenti, spettatori. Osservare con consapevolezza questi luoghi, significa guardare con occhi diversi il nostro presente”.

Il presidente Balli ringrazia l’autrice e l’ISRT per il lavoro fatto e invita tutti a partecipare domani, martedì 25 aprile 2017, alla passeggiata “Sui luoghi della Resistenza”. (s.spa.)

Volantino in allegato. 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising