[Lucca] La squadra internazionale di ciclismo “Dimension Data” seguita da 3 anni dalla Medicina dello Sport di Lucca

da
Advertising

Lucca –

La squadra internazionale di ciclismo  “Dimension Data” seguita da 3 anni dalla Medicina dello Sport di Lucca

e Mark Cavendish, suo uomo di punta e tra i migliori velocisti di sempre, si è sottoposto ad un check up medico con i professionisti dell’ospedale di Lucca

unnamed (23)

Lucca, 24 aprile 2017 Fra le squadre di ciclismo seguite dalla Medicina dello Sport di Lucca c’è anche, da tre anni,  la “Dimension Data”, uno dei team più forti del mondo e il primo di origine africana ad entrare nel circuito UCI ProTour, poi World Tour.

La squadra, creata nel 1997 da Douglas Ryder, annovera oggi ciclisti di primo piano del panorama mondiale come il britannico Steve Cummings,il norvegese Edvald Boasson Hagen, l’eritreo Daniel Teklehaimanot e soprattutto il velocista britannico Mark Cavendish, sicuramente uno dei migliori sprinter di tutti i tempi.

Il team è nato con l’obiettivo principale di promuovere l’attività ciclistica nel continente africano, ma poi – diventato realtà di alto livello internazionale – si è creato dei punti di riferimento anche in Europa e per gli aspetti di carattere sanitario ha scelto di essere seguita dalla struttura diretta dal dottor Carlo Giammattei, inserita nell’ambito del Dipartimento della Prevenzione dell’Azienda USL Toscana nord ovest, che prosegue quindi la sua prestigiosa tradizione di centro tra i preferiti dai campioni dello sport.

Molti, infatti, i “big” di vari sport – calcio, ciclismo, basket e non solo – che si rivolgono alla Medicina dello Sport lucchese, che ha sede nella Cittadella della Salute “Campo di Marte” e che può contare su spazi e macchinari idonei a dare un supporto fondamentale agli sportivi di ogni livello ed ogni età.

 

Negli ultimi tre anni il dottor Giammattei ed i suoi collaboratori hanno dunque svolto tutti i controlli periodici necessari per i corridori della “Dimension Data” e in questi ultimi mesi quando Mark Cavendish si è dovuto sottoporre ad un check up completo sul suo stato di salute ha scelto proprio i professionisti della sanità lucchese.

Non solo quindi la Medicina Sportiva ma anche altri specialisti, tra cui il direttore di Malattie Infettive ed Epatologia dell’ospedale San Luca di Lucca Sauro Luchi (nella foto allegata,  insieme a Cavendish e a Giammattei),specializzato in Gastroentorologia e Nefrologia, oltre che in Malattie Infettive.

 

Cavendish, insieme ai compagni di squadra, ha espresso apprezzamento per la professionalità incontrata a Lucca e si rapporta ai medici con quella disponibilità e semplicità che spesso caratterizza i grandi.

E lui grande lo è sicuramente:  è uno dei più forti sprinter della storia come testimoniano le 30 vittorie di tappa al Tour de France, che lo pongono al secondo posto di sempre nella corsa in giallo, dietro ad Eddy Merckx.

E’ stato campione del mondo sia su strada che su pista e la sua carriera è costellata di successi straordinari, nelle corse a tappe e nelle classiche di un giorno.

Cavendish è  soprannominato “Cannonball” e “Manx Missile” per la notevole accelerazione che lo caratterizza negli ultimi metri delle volate. La sua caratteristica migliore è infatti la capacità di cambiare marcia e di sprigionare una notevole potenza.

Ha inoltre sempre dimostrato capacità di adattarsi ad ogni tipo di arrivo perché ha qualità straordinarie, affinate grazie all’attività su pista.

E’ quindi un corridore unico per caratteristiche tecniche ed atletiche e per questo è riuscito a mantenersi ai vertici del ciclismo mondiale per diversi anni.

Anche  oggi, da ciclista esperto, riesce spesso ad esprimere il suo talento cristallino ed a prevalere allo sprint su avversari assai più giovani.   (sdg)

2 allegati

Fonte Verde Azzurro

Advertising