[REGIONE UMBRIA] TRASPORTI: “SCONCERTATO DA PAROLE ASSESSORE CHIANELLA, LA GIUNTA VALUTA FRECCIA ROSSA SOLO IN ATTESA DELLA STA…

da
Advertising

Il capogruppo di Fratelli d’Italia, Marco Squarta, si dice “sconcertato dalle parole dette ieri in Aula dall’assessore Chianella dalla quali emerge come la Giunta perseveri nella scelta della Media Etruria e valuti il Freccia rossa solo come un’eventualità in attesa della costruzione della stazione in Toscana”. Secondo Squarta “per portare l’alta velocità in Umbria basterebbe sostituire il treno ‘Tacito’, che collega Terni con Milano in 5 ore e 40 minuti, con un Freccia rossa, che può viaggiare sugli stessi binari e impiegherebbe 3 ore”.

(Acs) Perugia, 27 arpile 2017 – “La Giunta regionale continua ad insistere con la costruzione della stazione Media Etruria quando per dotare l’Umbria di un collegamento ferroviario ad Alta velocità basterebbe sostituire il ‘Tacito’ con un ‘Freccia rossa’”. È quanto dichiara il capogruppo a Palazzo Cesaroni di Fratelli d’Italia, Marco Squarta, che si dice “sconcertato dalla parole dette ieri in Aula dall’assessore Chianella (https://goo.gl/9o6lRf) dalla quali emerge come la Giunta perseveri nella scelta della Media Etruria e valuti il Freccia rossa solo come un’eventualità in attesa della costruzione della stazione dell’alta velocità in Toscana”.

Per Squarta “portare l’Alta velocità in Umbria è una priorità. Non si capisce perché dovremmo aspettare un progetto fumoso che dovrebbe realizzarsi in Toscana. La soluzione è semplice e a portata di mano. Basterebbe sostituire il treno ‘Tacito’, che collega Terni e Milano, passando da Spoleto, Foligno, Assisi, Perugia, Terontola e Arezzo, con un convoglio ‘Freccia Rossa’, diminuendo così il tempo di percorrenza da 5 ore e 40 minuti a sole 3 ore. E questo sarebbe possibile immediatamente, visto che la Carta Rfi prevede che il Freccia Rossa possa viaggiare sui binari utilizzati dal Tacito. Da Terni ad Arezzo il Freccia/Tacito seguirebbe lo stesso percorso attuale mantenendo la velocità consentita dai normali binari. Da Arezzo il convoglio potrebbe essere instradato sulla linea AV per raggiungere così rapidamente Milano. Senza aspettare progetti faraonici – conclude – questa soluzione spezzerebbe l’isolamento dell’Umbria”. DMB/PG

Fonte: Regione Umbria

Advertising