Firenze Nuova targa in ricordo di Gino Bartali, è stata donata dai giovani della Comunità ebraica

da
Advertising

Nuova targa in ricordo di Gino Bartali al Giardino dei Giusti, all’interno dell’area monumentale degli Orti del Parnaso, al posto di quella che è stata deturpata per Pasqua.

La sostituzione è avvenuta oggi pomeriggio alla presenza degli assessori all’Integrazione Sara Funaro, al Decoro Alessia Bettini e alla Toponomastica Andrea Vannucci e di alcuni giovani della Comunità ebraica di Firenze facenti parte del Centro giovanile ebraico fiorentino (CGEF), che hanno donato la nuova targa, identica a quella vandalizzata, recante la stessa scritta: “Albero in memoria di Gino Bartali in ricordo del suo impegno a favore degli ebrei perseguitati durante l’occupazione nazista”.

La targa è posizionata ai piedi di un esemplare di Lagerstroemia Indica (mirto crespo), dedicato alla memoria di Ginettaccio, proveniente dal centro florovivaistico del Comune.

“Vorremmo ringraziare la Comunità ebraica e i giovani del Centro ebraico fiorentino per la donazione della nuova targa dedicata alla memoria di Bartali – hanno detto gli assessori Funaro, Bettini e Vannucci – un campione nello sport e nella vita, un uomo senza paura che ha messo a repentaglio la propria vita per salvare quella dei perseguitati dai campi di concentramento”.

Negli anni ’43/’44 il campione di ciclismo aderì a una rete clandestina per salvare centinaia di perseguitati, soprattutto ebrei, dalla barbarie nazifascista. Ginettaccio, dichiarato ufficialmente ‘Giusto fra le Nazioni’ nel settembre del 2013 dallo Yad Vashem, il memoriale ufficiale israeliano delle vittime dell’Olocausto, ha salvato la vita a 800 ebrei, nascondendo nella sua bicicletta documenti falsi.

“Per l’amministrazione comunale la sostituzione della targa vandalizzata ha un enorme significato morale ed etico – hanno concluso Funaro, Bettini e Vannucci -. Il rispetto della memoria è importante così come il ricordo del passato ed è anche nostro compito, attraverso iniziative di vario genere, far sì che i giovani conoscano la storia perché studiare il passato significa imparare per evitare di commettere vecchi errori”. (fp)

Fonte: Comune di Firenze

Advertising