Firenze Traffico, Grassi, Verdi e Trombi: "Città al collasso da settimane. La cittadinanza non regge più"

da
Advertising

Queste le dichiarazioni dei consiglieri del gruppo Firenze riparte a sinistra Tommaso Grassi e Giacomo Trombi e della consigliera Donella Verdi 

 

“Ogni giorno ci arrivano sempre più segnalazioni e proteste da parte della cittadinanza per come la situazione del traffico sulle strade di Firenze sia insostenibile: una città al collasso da settimane e la congestione delle macchine e degli autobus bloccati nel traffico non tende a migliorare. La cittadinanza non regge più queste condizioni: per esempio c’è chi ha dovuto vedere trattenere dal datore di lavoro importi sullo stipendio per i ripetuti ritardi o chi non ha potuto raggiungere per visite mediche o analisi ospedali e strutture di cura. Senza dimenticarsi di chi lavora su mezzi pubblici, dai bus ai taxi, e passa intere giornate bloccato nel traffico peggiorando di gran lunga il servizio di trasporto pubblico: comprendiamo e sosteniamo, anche se ci auguriamo che possa arrivare una soluzione da parte del Comune, chi ha deciso di porre con forza l’emergenza in cui si trova a lavorare proclamando uno sciopero di ATAF il prossimo 15 maggio.”

“L’Amministrazione non può ritenersi esente da responsabilità: manca un governo del traffico e un coordinamento dei lavori stradali e delle chiusure di vie e piazze, così come un masterplan dei flussi di traffico esteso sull’intero territorio comunale. I cantieri della tramvia non sono certo una novità e non vediamo l’ora che possano entrare in funzione le linee tramviarie, ma aver aperto troppi cantieri, senza un adeguato piano della mobilità ad essi connesso, e non aver bloccato o anche soltanto rinviato le manutenzioni sulle strade alternative, sta creando nella zona di Careggi dei veri e propri disastri. Nardella chiarisca perché sta riducendo così Firenze e intervenga immediatamente per ripristinare condizioni accettabili: nessuno pensava che non ci fossero disagi nelle zone dove è in fase di costruzione la tramvia, ma adesso stiamo decisamente esagerando.”

“Lavori per la tramvia sulla quale le domande sono ancora molte: perché se non ci sono problemi sul cronoprogramma si continuano ad aprire cantieri e non se ne chiude mai uno? Cantiere dopo cantiere intere zone della città sono offlimits per auto e bus. La sensazione invece è che i problemi siano ben più gravi di quello che si vuol dar ad intendere alla cittadinanza: si è in grado di confermare che dal 14 febbraio 2018 potremo prendere la tramvia da Careggi o Novoli per arrivare in centro? Perché non si è pensato che in questa fase di cantieri estesi gli interventi di manutenzione a strade e marciapiedi, così come ai sottoservizi, salvo quelli di emergenza, potessero essere sospesi in attesa della conclusione dei cantieri della tramvia? Tutte domande che già oggi sono confluite nel testo di una domanda d’attualità che il nostro gruppo discuterà nel Consiglio comunale di martedì prossimo”. (fdr)

 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising