Firenze Primo Maggio, Grassi con CUB, USB e Rifondazione Comunista lancia la manifestazione in piazza dei Ciompi

da
Advertising

“E’ significativo che, da recenti interviste televisive, emerga che il 50% circa degli intervistati non sappia cosa sia il 1° maggio, che cosa si festeggi e perché. Ragione di più, soprattutto oggi, per riaffermare la centralità del lavoro e della festa del 1° maggio, nonché per sottolineare l’importanza di questo appuntamento a Firenze – affermano  in Palazzo Vecchio in una conferenza stampa a cui ha partecipato anche il Consigliere comunale Tommaso Grassi, i rappresentanti dei sindacati di base CUB e USB, del Fronte di Lotta No Austerity, dell’associazione Mariano Ferreyra, oltre al Partito Comunista dei Lavoratori e a Rifondazione Comunista, riuniti nell’assemblea per il Primo Maggio come organizzatori della manifestazione. – Ricordiamo anche che, proprio in questi giorni, anche la Conferenza Episcopale è intervenuta sul tema del lavoro, affermando che il lavoro è troppo poco e poco pagato.”

“Per Pasqua, forse non tutti ricordano che al “Serravalle Designer Outlet” di Serravalle Scrivia, in Piemonte, c’è stato uno sciopero e che anche la Chiesa locale si è schierata a favore dei dipendenti in sciopero, contro quella logica dello sfruttamento intensivo di uomini e donne, ridotti a meri fattori produttivi, senza festività, senza diritti, senza quasi più vita privata. Vorremmo quindi che il prossimo 1° Maggio possa essere una giornata di lotta che veda uniti Sindacati e Forze politiche, perché ormai neppure il diritto di sciopero accomuna più tutte e tutti i lavoratori, perché non più tutti possono scioperare. Basti pensare a settori come il commercio e i servizi non essenziali, dove dilagano il precariato e il lavoro a nero o sottopagato.”

“Invitiamo quindi tutte e tutti a scendere in piazza in occasione dello sciopero del commercio e della grande distribuzione indetto da vari sindacati di base: l’appuntamento è in Piazza dei Ciompi a Firenze, alle ore 10,30 del 1° maggio, ovviamente”. (fdr)

 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising