MODENA – NESSUN DORMA /2 – CULTURA IN FESTA CON LA NOTTE DEI MUSEI

da
Advertising

È un programma che coniuga cultura e festa, quello che gli Istituti culturali modenesi hanno organizzato per sabato 20 maggio “Notte europea dei musei”, nell’ambito della notte bianca di “Nessun dorma”. Tutti gli appuntamenti al coperto si svolgono anche se piove.

Al Palazzo dei Musei in Gipsoteca Graziosi, al piano terra, con “Gli estremi si toccano!” è esposta per la prima volta un’opera inedita di Graziosi con una videoistallazione. Alla Poletti inaugura la mostra “Pitture da viaggio. Taccuini di Erio Carnevali” e l’Archivio Storico Comunale propone visite guidate, letture e filmato per la mostra “Luoghi della produzione e sviluppo industriale nella Modena del secondo ‘900”. Ai Musei Civici, dove è in corso la mostra “Corrispondenze”, inaugura “Cercasi forme nuove”, esposizione di opere degli studenti del Venturi ispirata alla mostra “Incubi e sogni di provincia”, e due concerti in collaborazione con l’Associazione “La Chitarra”. Alla Galleria Estense, con il progetto “La Guardia di Finanza modenese al ‘servizio’ dell’arte”, guide speciali accompagnano sulle ‘tracce’ delle opere.

L’altro polo culturale, Palazzo Santa Margherita in corso Canalgrande 103, è aperto fino a tarda notte con la Galleria Civica dove inaugura la mostra “Marco Maria Zanin. Dio è nei frammenti” ed è in corso “Stefano Arienti. Antipolvere”. Al Museo della Figurina, oltre alla mostra “Parimpampùm. Le bambine magiche nelle figurine”, è possibile scoprire aneddoti e curiosità tra natura e magia grazie a “Incontri magici: animali e trasformazioni sulla via del Giappone”. Alla Delfini appuntamenti all’insegna di poesia, narrazione teatrale, cantastorie e musica.

Alla Palazzina dei Giardini proiezione non stop del cortometraggio di Gianluigi Toccafondo dedicato a Pasolini “Essere morti o essere vivi è la stessa cosa”. 

Il Sito Unesco si unisce alla notte bianca con diverse proposte. La Ghirlandina è aperta gratuitamente fino alle 24 con accompagnamento musicale a cura dell’Istituto Vecchi – Tonelli. Ai Musei del Duomo viene distribuito Bestiar-IO, un test attraverso cui i visitatori possono scoprire quale animale li rappresenta.

In Palazzo Comunale visite guidate all’Acetaia, concerti di musica antica a cura del Vecchi-Tonelli nella Sala del Fuoco e l’esposizione “Passi di libertà. Il cammino dei nostri primi 70 anni” nella Sala dei Passi Perduti. Il Centro Europe Direct, in collaborazione con ERT, offre due spettacoli teatrali dal titolo “Fantasmi oltre il ‘900. Eran gli albori di una modernità europea”, che si concluderanno in Piazza Grande nell’ambito del progetto teatrale “Un bel dì saremo”.

Dopo il successo degli anni scorsi, l’Associazione Dimore Storiche apre i cortili di tre prestigiosi palazzi modenesi mentre alla Chiesa della Pomposa si svolgono incontri e conversazioni tra scrittori e pubblico sul romanzo storico.

Di nuovo forte e varia la partecipazione degli Istituti Superiori e dell’Università con “Musei e storie controverse: raccontare l’indicibile nei musei”, mentre al Venturi gli studenti guideranno alla scoperta dell’antica Accademia Atestina di Belle Arti e al Muratori-San Carlo verranno presentati alcuni progetti degli allievi.

Al Laboratorio di macchine matematiche dell’Università visite guidate e percorsi sulla prospettiva; al Museo di Zoologia e Anatomia Comparata laboratori per bambini tra insetti e animali misteriosi; al Palazzo del Rettorato gli studenti del Fermi e del Tassoni organizzano percorsi guidati ai busti del Lapidario, mentre quelli del Corni illustrano il patrimonio storico artistico percorrendo la “Romea Strata modenese”; all’Orto Botanico le protagoniste saranno le piante tessili.

Visite guidate al Museo Storico e all’Appartamento di Stato dell’Accademia Militare nel Palazzo Ducale (prenotazioni allo IAT sotto i portici di Piazza Grande, tel. 059 2032660, sito www.visitmodena.it). Al Planetario dopo le conferenze sotto la cupola è in programma, a cura di “Grandezze e Meraviglie”, un concerto di antica musica astrale per stelle e pianeti.

A “Nessun dorma 2017” partecipano anche i teatri modenesi con visite guidate al Teatro Comunale Luciano Pavarotti e spettacoli a prezzi speciali al Teatro Storchi con “Delitto e Castigo” e al Teatro delle Passioni con “Emigranti”.

Tanta musica nelle chiese di San Barnaba, San Pietro e Santa Maria delle Assi (con un percorso alla scoperta dell’organo), San Bartolomeo, nel complesso di San Paolo e nell’Istituto Vecchi-Tonelli.

In programma iniziative anche con la partecipazione di Fondazione Fotografia, Associazione “Amici del Corni”, Mo.mo, Salotto Culturale Aggazzotti, Consorzio Creativo, Società del Sandrone, l’Accademia di Scienze Lettere e Arti, il Centro Culturale Alberione e, per la prima volta, lo showroom della Maserati.

Il programma completo, realizzato col sostegno di Fondazione Cassa di risparmio di Modena, è on line sul sito del Comune (www.comune.modena.it/nessundorma).

Advertising
Advertisements