MODENA – Exodus, lo spettacolo interpretato da minori stranieri non accompagnati

da
Advertising

WelcHome ha fatto scuola. È entrato nelle aule e ora porta gli studenti a toccare con mano la realtà dei minori stranieri non accompagnati anche attraverso il teatro.

Sabato 27 maggio alle ore 10.30 circa al Teatro Tenda di piazzale Molza (angolo Monte Kosica)  va in scena “Exodus”, spettacolo realizzato dal regista Salvatore Molinaro nell’ambito del Laboratorio teatrale Orione 80. “Exodus” è un breve viaggio nella tragedia del popolo siriano attraverso le parole dei protagonisti, la poesia, il teatro. Tra gli attori, a recitare o a rivivere la propria storia davanti a un pubblico di giovani studenti modenesi, ci saranno anche ragazzi attualmente o in passato accolti nella comunità dell’Opera Don Orione di Magreta.

WelcHome è un progetto di accoglienza in famiglia di giovani richiedenti asilo promosso dall’assessorato al Welfare del Comune di Modena insieme a Caristas diocesana, Terzo settore e associazioni di volontariato. L’obiettivo primario di sperimentare forme innovative di accoglienza in contesti non istituzionalizzati come le famiglie, va di pari passo con l’idea di coinvolgere la società civile per favorire l’inclusione sociale. Accanto al progetto di accoglienza, si è quindi sviluppato anche “WelcHome a Scuola” per fornire agli studenti delle scuole superiori strumenti e spunti di riflessione attraverso le testimonianze dirette dei minori accolti, delle famiglie che li hanno accolti (14 i nuclei familiari che hanno aderito al progetto ad oggi), delle comunità.

Complessivamente 16 i percorsi condotti dagli operatori del Centro stranieri nelle classi dei licei Venturi, Sigonio, Wiligelmo e degli istituti Corni, Barozzi e Fermi, per informare sulla realtà degli adulti richiedenti protezione internazionale e su una delle modalità di accoglienza (il progetto Spar gestito dal Comune) e dedicati in particolare a WelcHome e quindi all’accoglienza di minori. 

Lo spettacolo di sabato conclude questo articolato percorso; tra il pubblico, oltre ad alcune classi dell’Iti Corni che hanno seguito il percorso, ci saranno diverse famiglie WelcHome, ragazzi  accolti e le comunità di accoglienza.

In città minori stranieri non accompagnati (Msna), ritenuti dalla legge in stato di abbandono e quindi affidati ai Servizi sociali del Comune, sono un centinaio, tra quelli collocati nelle comunità e in famiglia.

 

exodus immagine da volantino

 

 

 

 

Advertising