[REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA] Viabilità: Santoro, al via lavori messa in sicurezza SS52

da
Advertising

600mila euro per intervento su strada che unisce Carnia a Cadore

Udine, 25 mag – Il cantiere per la regolarizzazione del
tracciato della SS52 Carnica inizierà subito dopo il ponte del 2
giugno e la viabilità funzionerà a senso unico alternato nel
tratto in comune di Ampezzo, con la previsione della fine lavori
a gennaio 2018.

Ad assicurarlo è l’assessore regionale alle Infrastrutture,
Mariagrazia Santoro, in occasione della consegna dei lavori
all’impresa Cimenti di Ovaro, aggiudicataria con un ribasso del
15% circa della gara di appalto (importo opere di 612.862 euro)
per realizzare l’intervento destinato a mettere in sicurezza la
statale che unisce la Carnia al Cadore attraverso il passo della
Mauria.

“L’amministrazione regionale – ha commentato Santoro, presente ad
Ampezzo assieme al sindaco Michele Benedetti ed al presidente di
Fvg Strade, Giorgio Damiani – ha risolto sia questioni
burocratiche che economiche e, grazie all’integrazione
finanziaria di 400mila euro che mancavano per avviare il
progetto, ora finalmente possiamo iniziare i lavori, cogliendo
l’occasione della stagione favorevole visto che d’inverno non
sarebbe possibile intervenire con tutte le lavorazioni”.

Damiani ha confermato come, grazie al forte pressing della
Regione, si siano superate difficoltà autorizzative che hanno
rallentato l’avvio di quest’opera attesa da tanto tempo. Fu
infatti una delibera della Giunta regionale del 2009 ad approvare
il programma di interventi con cui fu sancita la necessità di
dare corso a lavori urgenti di regolarizzazione del tracciato più
pericoloso della statale e, allo stesso tempo, ad affidarne la
realizzazione in delegazione amministrativa alla società FVG
Strade che gestiva l’arteria dal 2008.

L’intervento (il quadro economico complessivo dei costi è di 1, 2
milioni di euro) consiste principalmente nell’aumento del raggio
di due curve e nell’allargamento della carreggiata e delle
banchine per migliorare la visibilità nell’incrocio tra mezzi. I
lavori prevedono la realizzazione di un nuovo tratto in scarpata
da realizzarsi con la tecnologia della terra rinforzata,
soluzione di ingegneria naturalistica che consente un minore
impatto ambientale rispetto alla costruzione di muri in cemento
ma che necessita di una stagione climatica il più possibile secca
per la sua realizzazione.

Sempre oggi, assieme al sindaco di Ovaro, Mara Beorchia, e al
vicesindaco di Prato Carnico, Erica Gonano, il presidente di Fvg
Strade, Damiani, ha effettuato un sopralluogo nel tratto della
SR355 tra le località di Chialina e Baus, chiusa a seguito dello
smottamento avvenuto nei giorni scorsi.

In merito, Santoro ha evidenziato che “attualmente sono ultimati
i lavori della prima fase che hanno consentito l’apertura a senso
unico alternato della strada, anche grazie all’installazione di
una fila di blocchi cubici a separazione e protezione del
cantiere. Ciò consentirà – ha spiegato l’assessore – di avviare
anche la seconda fase con la completa sistemazione del pendio
mediante posa in opera di reti armate e realizzazione di un
sistema drenante, a monte del pendio, che consentirà la
riapertura completa”.

“Abbiamo inoltre garantito – ha assicurato Santoro – che, nel
giro di una o due settimane, sarà convocato un tavolo con
Protezione Civile e direzione regionale Ambiente per valutare la
situazione di tutto il versante lungo la SR355 ed analizzare
interventi previsti e criticità riscontrate”.
ARC/EP/fc

Fonte: Regione Friuli Venezia Giulia

Advertising