PORCARI Snai, firmato il contratto al Ministero – Cronaca

da
Advertising

Porcari (LUCCA) –


PORCARI. L’accordo tra azienda e sindacati sottoscritti lo scorso 16 maggio che sospende, almeno stato firmato ieri sera a Roma alla sede del ministero del lavoro. Dopo il via libera dei lavoratori la firma chiude la prima fase di una lunga vertenza che dopo l’annuncio di 66 esuberi complessivi è riuscita a salvaguardare i posti di lavoro.


“L’accordo siglato da tutte le organizzazioni sindacali nazionali e approvato tramite referendum grazie al voto espresso nel settore metalmeccanico – sottolinea Massimo Braccini, delegato Fiom al tavolo nazionale della vertenza Snaitech – segna una svolta importante riguardo questa complessa vertenza che era aperta da oltre un anno”.


L’intesa prevede il ricorso alle prestazioni del fondo di integrazioni salariali (Fis), un meccanismo simile alla cassa integrazione, a decorrere dal 3 luglio per un periodo di 26 settimane con meccanismi di rotazione e la possibilità di riduzione del personale utilizzando quale unico criterio quello della non opposizione al licenziamento accompagnato da un incentivo all’esodo. “L’azienda – ha aggiunto il delegato Fiom – si dichiara disponibile ad anticipare mensilmente l’importo previsto

dal Fis. Con la definitiva firma al Ministero si conclude una fase che segna comunque un punto di svolta positivo e di garanzia per i lavoratori di tutto il gruppo, dove le parti si danno atto di aver concluso ai sensi della Legge che regola la materia la procedura di licenziamento”.

Fonte: Il Tirreno

Advertising