[REGIONE PIEMONTE] Undici studi di fattibilità per lo sviluppo delle piste ciclabili

da
Advertising

Gli undici studi di fattibilità che sviluppano le principali direttrici ciclabili del Piemonte, che sono stati presentati il  26 maggio nel Circolo dei lettori di Torino, sviluppano percorsi regionali, ma spesso interregionali e internazionali, che attraversano il territorio: tra le principali la Via del Mare, che unisce la Svizzera al Ponente ligure, EuroVelo 8, una delle principali ciclabili europee che si snoda dalla Francia a Cipro passando dai Balcani, la Via Francigena e la Via del Monviso lungo il corso del fiume Po. Questi studi non solo restituiscono lo stato dell’arte in Piemonte, ma costituiscono uno strumento prezioso per le scelte che, in futuro, verranno fatte per lo sviluppo della ciclabilità e in particolare del cicloturismo. Cartina

Questo il lavoro svolto da Comuni, enti, associazioni e progettisti e finanziato dall’Assessorato alla Cultura e allo Sport della Regione Piemonte con un bando sulla legge regionale 4/2000, chiuso a marzo 2016, che ha messo a disposizione un milione di euro per la messa a punto di studi di fattibilità.

Il turismo green, ha detto l’assessora regionale alla Cultura e al Turismo, rappresenta una delle caratteristiche dove il Piemonte può essere competitivo con le altre regioni perché oggi sono presenti le strategie per un turismo sostenibile e su questo settore il Piemonte è diventato competitivo. Oltre al bando sulla ciclabilità andato esaurito, la Regione Piemonte continua a lavorare sul progetto Vento e sul Canale Cavour.

I punti di forza complessivi evidenziati dagli studi riguardano le ricadute economiche, in particolare in ambito turistico e per i settori collegati (tra cui commercio e agroalimentare) che i percorsi potranno portare sui territori. Vanno aggiunti inoltre benefici di carattere sociale, legati alla mobilità sostenibile e al recupero e alla riqualificazione di aree e spazi oggi degradati.

Il tema della ciclabilità ha suscitato un forte interessamento in tutto il territorio, come dimostra la distribuzione degli studi nelle diverse province:

– Corona di Delizie in bicicletta: sviluppato dal Comune di Collegno, prevede un anello di 120 km che attraversa 15 Comuni con un itinerario che tocca diverse Residenze reali, da Torino, a Venaria, a Rivoli.
– Percorso cicloturistico lungo la Via Francigena: progettato dall’Unione Montana Valle Susa, si sviluppa lungo 79 km attraverso i comuni della bassa valle, in corrispondenza del cammino devozionale
– Progetto Ciclovia Eurovelo 8: progettato dal Comune di Volvera, collega Torino e Limone Piemonte lungo la direttrice EuroVelo 8. Il tratto interessato dallo studio di fattibilità è di 130 km, attraverso le province di Torino e Cuneo
– Via del Monviso, ciclovia dalle sorgenti del Po a Verrua Savoia: il Comune di Moncalieri è capofila di questo studio che interessa il territorio di 122 Comuni per un totale di 240 km. Parte degli enti locali coinvolti, tra cui quelli parte dell’area MaB Unesco del Monviso, hanno sottoscritto una dichiarazione di intenti per realizzare la ciclabile
– Via del Monviso: a cura dell’Unione Montana dei Comuni del Monviso, si snoda lungo quasi 60 km del territorio montano della Valle Po, il cui tracciato si innesta sulla ciclovia EuroVelo 8
– Sistema cicloturistico integrato in Langhe-Roero: progettato dall’Unione di Comuni Colline di Langa e del Barolo, prevede diversi percorsi per un totale di 350 km, che si sviluppano nei territori di Langhe-Roero
– La via del Mare, tratto Cherasco-Ceva: un percorso di 49 km progettato dalla Provincia di Cuneo e realizzato sul sedime della ferrovia, oggi dismessa, che attraversa i paesaggi vitivinicoli patrimonio Unesco
– Percorso ciclabile delle terre Unesco: sviluppato dalla Provincia di Asti, il progetto si snoda lungo 244 km tra Langhe e Monferrato, è suddiviso in quattro lotti ed ha visto un forte coinvolgimento del territorio, sfociato in un protocollo d’intesa firmato tra 38 Comuni delle province di Cuneo, Asti e Alessandria, tra cui le città capoluogo e centri minori tra cui Castagnole delle Lanze, Rocchetta Tanaro, Coazzolo e Nizza Monferrato
– Bike to lake: sviluppato dall’Atl del Distretto dei Laghi, si inserisce sulla direttrice della Via del Mare con un itinerario di 143 km tra i Comuni della provincia di Verbania-Cusio Ossola dell’area dei laghi
– Potenziamento dei percorsi ciclabili alessandrini in connessione con la rete ciclabile di interesse regionale: uno studio complessivo sviluppato dall’Atl Alexala, della provincia di Alessandria, per un totale di 1350 km di itinerari ipotizzati in tutto il territorio provinciale
– In bici a pelo d’acqua nel Novarese: progettato dall’Atl della Provincia di Novara, prevede lo sviluppo di tre itinerari lungo le principali direttrici che interessano il territorio (Via del Mare, Pedemontana, Via del Ticino), con un focus sulle aree delle risaie. Sulla base di questo studio è già stato presentato una richiesta di finanziamento sul programma Interreg Italia-Svizzera.

Author Donatella Actis Questo indirizzo email è protetto dagli . È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Fonte: Regione Piemonte
Fonte: ANSA

Advertising