PORCARI Ecco gli alunni che hanno rotto il muro del silenzio  – Cronaca

da
Advertising

Porcari (LUCCA) –


PORCARI. Un progetto nato per rendere la diversità un valore aggiunto e non un ostacolo. Un arricchimento per tutti gli alunni, un modo per rompere le barriere del silenzio. Usando dei gesti in grado di unire. Si chiama “Parliamo per intendere” e riguarda la scuola primaria “Giorgio La Pira” di Porcari. In particolare la classe 4ªB dell’istituto statale che ha scoperto una nuova modalità comunicativa: quella del linguaggio dei segni.

«I bambini con disabilità possono diventare elemento di crescita per tutti e per rendere possibile questo dobbiamo farlo con progetti inclusivi e non esclusivi – spiega la dirigente scolastica Emiliana Pucci -. Nel caso della 4ªB la lingua dei segni è stata presentata a tutti gli alunni come una nuova modalità comunicativa e tutti gli alunni hanno subito preso con entusiasmo questo nuovo percorso didattico».

Un percorso che nasce da una compagna la cui sordità poteva rischiare di trasformarsi in un elemento di isolamento. Grazie a dei compagni di classe straordinari e ad un progetto in grado di insegnare a tutti il linguaggio dei segni questo pericolo è stato spazzato via. «I bambini hanno vissuto questa esperienza formativa, durata un anno, come un gioco – spiega ancora Pucci -. E adesso la “maneggiano” con così tanta familiarità che, spesso, la usano anche per suggerirsi e copiare durante i compiti in classe».

La 4B che ha seguito il progetto per...
La 4B che ha seguito il progetto per la lingua dei segni


Lunedì scorso questo progetto inclusivo ha raggiunto il suo punto finale, con un saggio dove i bambini hanno presentato il percorso fatto per acquisire non solo l’alfabeto ma anche altre parole del linguaggio dei segni. Un modo fantastico per sensibilizzare anche sull’argomento le tante famiglie presenti alla rappresentazione.

Invitato anche il presidente nazionale sordi, sezione di Lucca, Andrea Pagani. E da questa positiva esperienza verrà pubblicato, presto, anche un dvd. Al quale hanno lavorato insegnanti e anche genitori, oltre ovviamente agli alunni delle scuole di Porcari. In paricolare l’assistente alla comunicazione è Ilenia Nardi. Le insegnanti sono Federica Quilici, Roberta Di Giulio, Elena Iacopinelli e Carmela Bosa. Con il supporto, ovviamente, della dirigente scolastica Emiliana Pucci.

«Un ringraziamento doveroso per questo percorso legato alla lingua italiana dei segni va al presidente della sezione di Lucca dell’ente nazionale sordi Andrea Pagani – conclude ancora la dirigente scolastica -. In diverse occasioni si è fermato a parlare con gli studenti, raccontando la sua esperienza diretta con la sordità. Un esempio di vita concreto di chi non si è fermato di fronte ad un possibile ostacolo, riuscendo ad avere una vita piena e soddisfacente nonostante la sordità. Il messaggio più bello che credo sia importante tanto quanto il percorso intrapreso in questo anno scolastico dagli studenti».


Fonte: Il Tirreno

Advertising