[REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA] Sport: Serracchiani, premio Juventussi e orgoglio FVG per i campioni

da
Advertising


Lignano Sabbiadoro, 13 giugno – Si è rinnovato a Lignano Sabbiadoro l’appuntamento annuale della stampa sportiva regionale con il premio ‘Juventussi’, il riconoscimento dell’Unione stampa sportiva italiana del FVG a campioni, atleti, dirigenti sportivi, studenti-agonisti, personaggi impegnati nel mondo dello sport.

Si è trattato di una festa che ha consentito di ricordare primati e vittorie degli atleti più giovani, di rievocare gesta sportive del passato e di rivolgere il ringraziamento del mondo sportivo, delle istituzioni e della stampa specializzata a campioni che con le loro imprese hanno fatto vivere al grande pubblico e agli appassionati di diverse discipline momenti emozionanti.

All’evento, svoltosi sulla Terrazza Mare, in rappresentanza della Regione hanno preso parte la presidente, Debora Serracchiani, l’assessore allo Sport, Gianni Torrenti, e il presidente del Consiglio regionale, Franco Iacop.

Serracchiani – alla quale è stato affidato il compito di consegnare il premio alla carriera al carnico Giorgio Di Centa, olimpionico dello sci da fondo – ha ribadito i sentimenti di orgoglio e gratitudine dell’intera comunità nei confronti dei tanti campioni che il Friuli Venezia Giulia può vantare e, riferendosi allo sci nordico, lo ha definito disciplina affascinante, che lei stessa lo scorso inverno ha iniziato a praticare tra le montagne friulane.

Secondo l’assessore Torrenti – il quale assieme al presidente del Coni regionale Giorgio Brandolin ha premiato il segretario generale della Juventus, il triestino Maurizio Lombardo – i grandi risultati ottenuti dagli atleti e dalle atlete del Friuli Venezia Giulia sono il frutto di un grande lavoro di squadra, che è la sintesi del movimento sportivo e che aiuta a formare la nostra società, favorisce le relazioni e l’inclusione.

Dal canto suo il presidente del Consiglio regionale, Franco Iacop, ha sottolienato come i risultati dei grandi campioni formatisi nel Friuli Venezia Giulia, così come quelli degli amatori, e lo stesso approccio dei cittadini alle attività sportive, agonistiche e non, non sarebbero nemmeno ipotizzabili senza la grande spinta del volontariato, che rappresenta anche nel movimento sportivo la spina dorsale delle attività ed è il vero motore che spinge atleti e atlete verso i traguardi più ambiti.

Iacop ha premiato il friulano Enzo Cainero, il patron delle tappe friulane del Giro d’Italia e del Giro Rosa, la corsa ciclistica femminile che partirà da Aquileia e da Grado a fine giugno. Altri riconoscimenti sono andati alla carnica Cristina Pittin per lo sci nordico, alle pallanuotiste triestine Sara Ingannamorte e Lucrezia Lys Cergol, all’arcera triestina Karen Hervat, al portiere della nazionale di calcio degli anni ’50, Lorenzo Buffon, e all’ex portiere dell’Udinese calcio, Luigi Turci.

A Lorenzo Buffon e ai presenti si è rivolto in un messaggio video il portiere della Nazionale italiana, Gigi Buffon, che nella mattinata aveva ricevuto la cittadinanza onoraria a Latisana.

Nel corso della serata sono anche state assegnate borse di studio al karateka triestino Ian Jornea e a Fabio Urli, per il nuoto paralimpico. ARC/CM/ppd

Fonte: Regione Friuli Venezia Giulia

Advertising