MODENA – “ARMONIOSAMENTE”, AL VIA LA SESTA EDIZIONE DELLA RASSEGNA

da

La violinista diciottenne al suo debutto e l’organista affermato di fama internazionale; la musica classica e i concerti che sperimentano unioni originali di strumenti e generi; i paesi della Bassa e i borghi più sperduti dell’Appennino. È questo il gioco dell’integrazione degli opposti che fin dall’inizio caratterizza con successo la rassegna “ArmoniosaMente” che inaugura la sua sesta edizione, giovedì 22 giugno alle 21, con un concerto dell’organista Alessio Corti nella chiesa di San Pietro a Modena, e prosegue fino alla fine di settembre con un programma di 33 appuntamenti in tutto il territorio modenese.

“ArmoniosaMente”, che si svolge tra chiese e castelli, borghi e pievi con la direzione artistica di Stefano Pellini e Davide Burani è nata dall’unione delle due rassegne storiche “Armonie fra musica e architettura” e “Lungo le antiche sponde” ed è promossa dalle associazioni Amici dell’organo “Johann Sebastian Bach” e “Cantieri d’arte”, con il patrocinio del Comune di Modena e il contributo di Regione Emilia Romagna, Bper Banca e Lapam.

Nel cartellone della rassegna si alternano concerti di giovanissimi talenti, la cui valorizzazione è da sempre uno degli obiettivi di “ArmoniosaMente”, come Erika Vagnoni, violinista diciottenne appena diplomata, o gli altrettanto giovani ma già affermati Karol Lipinski, polacco, anch’egli violinista, e Nicolò Sari, organista, con le esibizioni di artisti di grande esperienza e prestigio internazionale come l’arpista spagnolo Josè Antonio Domenè, che suonerà in duo con Davide Burani, e l’Ensamble dei Salotti musicali parmensi che vanta grandi solisti al suo interno. Tra le caratteristiche della rassegna anche la valorizzazione degli organi storici di cui il territorio modenese è particolarmente ricco, sono circa 250 gli strumenti collocati per lo più nelle chiese, e i concerti sono un occasione per fare manutenzione e riportarli agli antichi splendori grazie a mani esperte. La musica per organo è quindi la protagonista del cartellone ma non da sola, accanto infatti ai programmi classici, da Monteverdi a Bach, ci sono concerti più insoliti e “popolari” come il programma da Sinatra a Bublé proposto dall’ensemble per soli ottoni e voce Parma Brass (27 giugno a Stuffione di Ravarino), o “Nyanga. Voci di luna”, concerto per arpa e percussioni a San Cesario il 29 giugno, ma anche un insolito viaggio musicale per chitarra e pianoforte (San Felice, il 3 luglio), e un altrettanto particolare viaggio tra l’Italia e l’Inghilterra con il concerto “Albione e il Barocco” (Stuffione di Ravarino, 6 luglio) e dal Barocco alle colonne sonore, con gli Ottoni matildici (Castelnuovo, 28 agosto).

Nel programma tornano però anche gli appuntamenti tradizionali e amatissimi dal pubblico della rassegna come il Concerto promenade a Fiumalbo il 30 luglio e le conferenze itineranti alla scoperta delle chiese e dei borghi dove si svolgono alcuni dei concerti.