[Lucca] IL SINDACO ALESSANDRO TAMBELLINI – Lucca è una città aperta, solidale e che sa dialogare con gli altri.

da
Advertising

Lucca –

Ho volutamente atteso alcuni giorni prima di intervenire, per fare in modo che i toni si stemperassero intorno a una competizione elettorale che ha avuto passaggi aspri, a tratti molto aspri, e che ho vissuto in certi momenti, non ho difficoltà ad ammetterlo, con grande fatica, essendo abituato a un clima diverso -anche pugnace, ma sempre rispettoso dell’altro- quale non è stato in questi ultimi mesi a Lucca.

Mi dispiace per i cittadini che si sono sentiti offesi dalle parole da me pronunciate in piazza San Michele domenica notte e mi scuso con loro perché non era mia intenzione offendere nessuno. Ero molto emozionato e anche carico di un clima veramente pesante che avevo sentito fortissimamente anche su di me come persona. Mi dispiace perché il mio riferimento era a una Lucca positiva e fattiva, rispetto a chi invece ha puntato esclusivamente sulla denigrazione della città. E mi dispiace soprattutto perché non penso affatto che esista una ‘Lucca buona’ e una ‘Lucca cattiva’ da contrapporre, in una lettura manichea della realtà. Ritengo invece che Lucca sia, al fondo delle sue radici, una città buona, solidale, aperta e dialogante, che nel corso della sua storia recente e passata è stata capace di portare il meglio di sé nel confronto con gli altri.

Questo era e rimane il senso delle mie parole, che in nessun modo escludono la critica -ci mancherebbe!- ma che la inscrivono in un orizzonte più alto di ricerca del bene della comunità lucchese nel suo complesso, una comunità dove vivo e dove mi riconosco come parte di un tutto.

E proprio questo è il punto di partenza che mi do in questo nuovo mandato amministrativo, quello di valorizzare il bello e il buono di una città che è sempre più al centro dell’attenzione internazionale, che è capace di confrontarsi con gli altri, in un dialogo costruttivo che ha portato e che deve ancora portare occasioni di sviluppo e crescita per l’intera comunità e per tutti i suoi cittadini.

Siamo a lavoro in queste ore per costruire una squadra di governo che si metta subito a operare in questo senso. A tutti i miei assessori e ai consiglieri farò una specifica richiesta, che è emersa con forza nel corso della campagna elettorale e che ritengo condizione imprescindibile: quella di dialogare in maniera ancora più incisiva con tutti i cittadini, andando sul territorio, nei paesi e nelle frazioni, per ascoltare prima di tutto, e orientare così al meglio la nostra azione di governo.

Fonte Verde Azzurro

Advertising