MODENA – CHIOSCHI, SINDACO: “GIUSTIZIA È FATTA, ORA RIPARTIAMO”

da
Advertising

“L’assoluzione con formula piena degli amministratori e dei tecnici del Comune e della Soprintendenza è una notizia che ci riempie di gioia, sia dal punto di vista umano che politico”. Lo afferma il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli commentando la sentenza relativa ai chioschi del parco delle Rimembranze che dichiara che il fatto non sussiste e prevede il dissequestro immediato dei cantieri.

“Persone ingiustamente accusate di gravi malefatte ai danni della cosa pubblica e sottoposte a anni di gogna mediatica – aggiunge il sindaco – vedono finalmente riconosciuta la loro innocenza, perché il fatto non sussiste e cioè perché non hanno mai nemmeno provato ad intraprendere una via illegale. Si conferma che gli amministratori, i dirigenti e funzionari del Comune e i funzionari della Soprintendenza hanno sempre agito con onestà, trasparenza e professionalità. I cittadini modenesi devono sapere che il Comune di Modena era e rimane un’istituzione che merita fiducia”.

Il sindaco Muzzarelli continua sottolineando che “non si può però dimenticare che in questa vicenda ci sono imprenditori e famiglie che hanno pagato un prezzo che nulla ha a che fare col rischio d’impresa. Con loro ragioneremo nei prossimi giorni per esaminare la situazione e le prospettive”.

Per il sindaco, quindi, la città “ha subito un duplice danno: un danno d’immagine e un danno dovuto all’abbandono e al degrado del parco. Ma è la stessa democrazia cittadina a essere stata ferita, perché le scelte urbanistiche e di sviluppo non si fanno in tribunale. Si fanno all’interno delle istituzioni democratiche e lo sviluppo di una città non può rimanere inchiodato a causa delle prese di posizione di chi pretende di imporre le sue tesi minoritarie a suon di ricorsi e carte bollate. Oggi però è stata fatta giustizia e da qui possiamo ripartire”.

L’assessora all’Urbanistica Anna Maria Vandelli aggiunge che l’obiettivo rimane “la tutela e la valorizzazione del parco delle Rimembranze. Come abbiamo fatto con l’ex Amcm e con Sant’Agostino, proseguiamo il lavoro per ridare alla città luoghi per la cultura e il tempo libero. Leggeremo con attenzione le motivazioni della sentenza, ma dobbiamo presumere che venga riconosciuto come il progetto di riqualificazione dei chioschi avesse al centro, appunto, la tutela e la valorizzazione del parco, vista l’inadeguatezza delle precedenti strutture, anche sotto il profilo igienico e sanitario. Ora l’impegno – conclude Vandelli – è quello di consentire la realizzazione di chioschi che contribuiscano a restituire pienamente questo parco alla città”.

Advertising