MODENA – MODENA PARK / 2 – PRESIDIO H24 PER LE PERSONE FRAGILI

da
Advertising

Dalle ore 20 di venerdì 30 giugno fino alle 14 di domenica 2 luglio sarà attivo 24 ore su 24 un Presidio socio sanitario per persone fragili contattabile attraverso il numero telefonico 059 5137370. Il servizio, attivato dall’assessorato al Welfare in sinergia con la Centrale Operativa 118, è dedicato ai bisogni di natura assistenziale o relazionale: dalla necessità di un aiuto infermieristico fino al bisogno urgente di un determinato farmaco.

Il numero è già stato comunicato agli utenti in carico ai Servizi sociali e rientra tra le azioni previste dal Piano socio-sanitario definito da Comune e Aziende sanitarie con riguardo alla dimensione extraospedaliera nell’ambito della pianificazione più complessiva degli interventi programmati per Modena Park dal sistema 118 e dagli ospedali Policlinico e Baggiovara.

Gli assi principali del Piano socio-sanitario sono il rafforzamento delle tutele nelle Case protette, l’attenzione alle persone fragili, la garanzia della continuità dell’assistenza domiciliare e due presidi nel territorio organizzati dai servizi sociali (operativi per 48 ore continuative, dalle 14 di venerdì 30 giugno alle 14 di domenica 2 luglio) che consentiranno di raggiungere tutti gli utenti, anche se le condizioni del traffico dovessero essere complicate.

Si è partiti dalla mappatura di servizi e bisogni, a partire dagli utenti fragili residenti nell’area attigua al parco Ferrari per garantire, tra gli altri interventi, la continuità dei servizi domiciliari, dall’assistenza alla persona alla consegna del pasto. In due aree della città, in via Galaverna e in via Viterbo, sono stati organizzati due presidi attivi h24 in modo che le persone in situazione di bisogno (all’incirca seimila quelle conosciute dai servizi e censite in via preventiva) possano essere raggiunte da assistenti domiciliari o da personale infermieristico a piedi o in bici, qualora il traffico in città non consenta di muoversi in auto con la necessaria rapidità.

Nelle strutture protette è intensificata la presenza infermieristica, che funzionerà h 24, per rafforzare l’assistenza sanitaria interna e limitare eventuali accessi per codici bianchi al Pronto soccorso.

Assieme alle Aziende Sanitarie, è stata posta particolare attenzione alle dimissioni protette, utili a garantire la massima disponibilità di posti letto negli ospedali, mentre per servizi particolarmente delicati sono stati ridefiniti i calendari per evitare di esporre persone in terapia al rischio di incorrere in blocchi della circolazione stradale.

Advertising