Capannori “Gustare locale”, giovani alla scoperta di alimentazione sostenibile attraverso visite alle aziende e comunicazione social

da
Advertising

Capannori –

L'assessore Miccichè e i ragazzi in visita all'azienda Dulù

Far concretamente conoscere ai giovani le aziende locali che valorizzano i prodotti della terra facendo loro comprendere l’importanza di avere sulla tavola cibo stagionale e a chilometri zero. Promuovere una corretta alimentazione. Dimostrare in che modo questi prodotti possano essere utilizzati nella cucina. Sono questi gli scopi principali del progetto “Gustare locale” promosso dall’associazione “Di Testa Mia” in collaborazione con alcuni enti locali, Coldiretti e “Il Piatto Forte”, il concorso gastronomico promosso dai “Donatori di Sangue Vallinseri” con il patrocinio del Comune di Capannori.

Un progetto, questo, che prevede da giugno a novembre incontri sul campo aperti a tutti, che vengono documentati con foto e video resi disponibili sulle pagine Facebook “Di Testa Mia” e “Il Piatto Forte”. Le aziende locali coinvolte, inoltre, forniranno alcuni dei loro prodotti al concorso gastronomico, la cui seconda edizione è in programma in autunno.

“Gustare locale” ha preso avvio oggi (venerdì) con la prima giornata dedicata al  latte. I giovani hanno fatto visita a due produttori: l’azienda agricola Lizzi a Santa Margherita e l’azienda agricola Dulù a Colle di Compito. I titolari, rispettivamente Cinzia Lizzi e Paola Vitiello, hanno spiegato loro il processo della lavorazione del latte per l’ottenimento di prodotti caseari quali formaggi e yogurt.

Durante la mattinata l’assessore alle politiche giovanili Lia Miccichè è andata a incontrare i giovani. Erano presenti, fra gli altri, il responsabile del progetto, Leonardo Maccanti dell’associazione “Di Testa Mia”, Davide Del Carlo presidente dell’associazione “Donatori di Sangue Vallisneri” e Flavia Saladino di “Il Piatto Forte”, fra l’altro vincitrice della scorsa edizione.

“Fa piacere che i giovani si facciano promotori di iniziative come questa – commenta l’assessore alle politiche giovanili Lia Miccichè -. ‘Gustare locale’ è un progetto interessante sia perché si rivolge direttamente alle ragazze e ai ragazzi usando il loro linguaggio e mezzi di comunicazione preferiti, sia perché promuove uno stile di vita e un’alimentazione sana e sostenibile. La rilevanza di questo progetto viene anche dal mettere a sistema i giovani e i produttori locali, valorizzando queste realtà particolarmente preziose per il territorio”.

“Il progetto nasce dalla volontà della nostra associazione di approfondire il tema della sostenibilità della nostra alimentazione – aggiunge Leonardo Maccanti dell’associazione “Di Testa Mia” -. Il cibo rappresenta una parte importante delle nostre vite ma spesso non gli riconosciamo il rispetto che merita. Vogliamo quindi far conoscere, sia dal vivo che attraverso i social, le realtà produttive che ci circondano, mostrando il valore aggiunto che c’è nel nutrirsi e sano e locale. Importante è anche la connessione con ‘Il Piatto Forte’. A questa sfida di fornelli e fantasia porteremo la tradizione culinaria delle nostra terra e i suoi strepitosi prodotti naturali”.

“Gustare locale” proseguirà con altri incontri, ognuno dei quali sarà annunciato con un evento Facebook sulla pagina “Di Testa Mia”, che servirà anche per raccogliere le adesioni. Intorno al 15 luglio protagoniste saranno le verdure, tra la fine di luglio e l’inizio di agosto si parlerà del miele, della marmellata e della frutta. Tra agosto e settembre sarà la volta dei cereali e dei legumi, poi a metà settembre si studieranno la carne e i salumi, per poi proseguire tra settembre e ottobre con l’olio e il vino. La formula sarà la stessa: visita ai produttori, foto, video e condivisione sui social tramite l’hashtag #gustarelocale.

Advertising
Tags: