LIVORNO Primo Piano – Effetto Venezia, le quote di partecipazione e le modalit di conferimento dei rifiuti

da
Advertising

Livorno –


Marchi certificazione prodotti compostabili

Per loccupazione di suolo pubblico domande entro il 7 luglio

Effetto Venezia, le quote di partecipazione e le modalit di conferimento dei rifiuti

Eco-sconto di 250 euro per bar, ristoranti, cantine e circoli che utilizzeranno materiali biodegradabili/compostabili o a riuso

Livorno, 30 giugno 2017 – In occasione della prossima edizione di Effetto Venezia, che si svolgerà da mercoledì 26 a domenica 30 luglio, gli esercenti che svolgono attività di somministrazione e i titolari di esercizi di vicinato possono, come di consueto, presentare al Comune di Livorno domanda di partecipazione all’evento.

In questo modo bar, ristoranti, circoli, sezioni nautiche, comitati, negozi residenti all’interno del quartiere Venezia potranno, tra l’altro, richiedere (per la durata della manifestazione) un’occupazione di suolo pubblico o un ampliamento di concessioni già in essere.

Per quanto riguarda le quote di partecipazione, la novità di quest’anno è l’Eco-sconto riservato agli esercizi che si impegneranno ad usare materiale biodegradabile (o meglio ancora compostabile, generalmente ricavato dal mais) o materiale a riuso (ceramica, vetro).
Infatti l’Amministrazione comunale, di concerto con AAMPS, nell’intento di favorire comportamenti rispettosi dell’ambiente e del decoro cittadino, con delibera di Giunta n. 383 del 20/6/2017, ha previsto che alle quote si possa applicare un Eco-sconto di 250 euro: per esempio un ristorante che dimostri di usare materiali biodegradabili/compostabili (saranno effettuati controlli durante la manifestazione) potrà versare la quota di 350 euro; in caso contrario la quota dovuta sarà di €. 600.

Queste le quote di partecipazione:

Tipologia

Quota

Eco sconto

Totale scontato

Somministrazione di alimenti e bevande

€ 600,00

€ 250,00

€ 350,00

Sezione Nautica

€ 600,00

€ 250,00

€ 350,00

Circolo in convenzione

€ 600,00

€ 250,00

€ 350,00

Esercizio di vicinato settore alimentare

€ 75,00

——–

€ 75,00

Esercizio di vicinato settore non alimentare

€ 50,00

——–

€ 50,00

Il pagamento potrà avvenire tramite bonifico bancario intestato al Comune di Livorno (IBAN IT 97 X 0103013900 00000 6800090 Monte dei Paschi di Siena. Causale: Pagamento quota partecipazione Effetto Venezia 2017 – capitolo d’introito 1021).

Informazioni e scadenze
La domanda di partecipazione ad Effetto Venezia, insieme alla ricevuta che attesta il pagamento della quota e al codice di comportamento timbrato e firmato, deve essere quanto prima consegnata di persona all’URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) del Comune di Livorno (piazza del Municipio 1, piano terra).
I moduli della domanda di partecipazione e del codice di comportamento possono essere scaricati da www.comune.livorno.it > Sportello del Cittadino > Turismo e grandi eventi > Effetto Venezia – Richiesta partecipazione (http://moduli.comune.livorno.it)

Se si richiede anche una nuova occupazione/ampliamento di suolo pubblico, occorre presentare domanda di concessione online entro e non oltre il 7 luglio all’ufficio Polizia Amministrativa, tramite il portale AIDA, con firma digitale e carta CNS (http://aida.toscana.it/livorno) e poi consegnare all’URP la domanda di partecipazione, il codice di comportamento firmato e la ricevuta di pagamento, sempre entro e non oltre il 7 luglio.

Procedura semplificata di concessione suolo pubblico
Le attività che hanno già partecipato all’edizione 2016 di Effetto Venezia e non hanno necessità di variare l’occupazione/ampliamento di cui hanno usufruito l’anno passato, possono compilare la domanda online con i dati essenziali e scrivere sulla parte relativa al suolo pubblico solamente “Conferma 2016”, senza dover quindi inoltrare grafico e relazione tecnica e senza dover specificare le misure dell’occupazione (i grafici delle occupazioni 2016 sono in possesso dell’ufficio Turismo e possono essere richiesti dai gestori per verifica).
La procedura semplificata può essere seguita anche nel caso in cui rispetto al 2016 l’attività abbia cambiato gestione o denominazione.

Adempimenti obbligatori per cantine e circoli
• le sezioni nautiche e i comitati organizzatori gare remiere devono presentare richiesta di SCIA per somministrazione temporanea di alimenti e bevande (art. 45 L. R. 28/2005) tramite portale AIDA (http://aida.toscana.it/livorno), contestualmente alla Comunicazione Sanitaria.
Le planimetrie delle Sezioni Nautiche sono in possesso degli uffici comunali quindi da non introdurre nella richiesta;
• i circoli, per poter somministrare anche ai non soci, devono presentare richiesta di SCIA avvio attività 56.207 R (somministrazione congiunta) tramite portale AIDA (http://aida.toscana.it/livorno), con compilazione obbligatoria della comunicazione sanitaria in ogni suo campo (allegando anche un file qualsiasi nel quadro ONERI altrimenti il programma non procede), ma non è dovuto il pagamento del bollettino sanitario e non è obbligatorio allegare il processo produttivo e la planimetria.

Le modalità di conferimento dei rifiuti
La Venezia è stato il primo quartiere dove è stata istituita la raccolta dei rifiuti “porta a porta”, e quindi gli esercenti sanno bene come conferire in maniera differenziata, e sono già forniti degli appositi contenitori.
Vista però la presenza di soggetti (per esempio le cantine) che svolgono attività di somministrazione solo in questa occasione, AAMPS provvederà a posizionare lungo le vie del quartiere 50/60 postazioni supplementari per il conferimento dei rifiuti, ciascuna con i contenitori per l’organico, il multimateriale e l’indifferenziato.
Queste postazioni saranno a disposizione non solo degli esercenti ma anche, ovviamente, dei visitatori di Effetto Venezia.
Amministrazione Comunale e AAMPS ricordano quindi i principali criteri da seguire per il conferimento:
Nel multimateriale plastica, alluminio e tetrapak. Anche piatti e bicchieri di plastica riciclabili, svuotati del contenuto.
Piatti e bicchieri compostabili, invece dovranno essere gettati nel contenitore dell’organico, così come i residui alimentari e i tovaglioli di carta.
Nell’indifferenziato tutto il resto, comprese le cassette di polistirolo con residui di materiale organico.
Per maggiori informazioni consultare la sezione “Dove lo butto…” sul sito di AAMPS (www.aamps.livorno.it/?page_id=250)

L’Amministrazione comunale esorta ad usare il più possibile il biodegradabile/compostabile, da non confondere con il riciclabile.
La definizione di compostabile è definita dalla normativa EN 13432/EN 14995.
Si tratta di materiali che in ambienti ricchi di anidride carbonica si degradano nel giro di pochi mesi, e che non contengono sostanze (per es. metalli) che sarebbero tossiche una volta incorporate nel compost.
Il “vero” compostabile è l’unico a poter essere conferito nei bidoni dell’organico. Esso è riconoscibile dal logo dell’ente di certificazione stampato sulle confezioni (nella foto allegata sono riportati i marchi più diffusi).
Ai fini dell’Eco-sconto sulle quote di partecipazione ad Effetto Venezia, l’Amministrazione comunale raccomanda di conservare all’interno dell’esercizio almeno un imballaggio per ogni tipologia usata, per dimostrare l’utilizzo di materiali biodegradabili/compostabili in occasione di eventuali controlli.

Informazioni
Per maggiori informazioni contattare telefonicamente il personale dell’ufficio Turismo e Grandi Eventi (0586 820.210/226/288) oppure scrivere a: pfontana@comune.livorno.it; mpelagatti@comune.livorno.it; lbassini@comune.livorno.it

Advertising